Regione e Distretto Meccatronica: mascherine "made in Sicily" nelle scuole :ilSicilia.it

il programma "Meccatronica Sos"

Regione e Distretto Meccatronica: mascherine “made in Sicily” nelle scuole

di
12 Marzo 2021

Mascherine e dispositivi di prevenzione anti-Covid e sanificazione made in Sicily, a prezzi competitivi, per scuole, università ed enti di formazione professionale. È il frutto della convenzione stipulata questa mattina dal governo Musumeci, attraverso gli assessorati regionali dell’Istruzione e della Formazione professionale e delle Attività produttive, e dal Distretto Meccatronica Sicilia.

Con questo accordo, che si inquadra tra gli interventi del governo regionale a sostegno del sistema scolastico, abbiamo ritenuto opportuno favorire, da parte degli istituti, l’acquisizione di dispositivi di protezione individuale, a cominciare dalle mascherine Ffp2 per gli operatori dell’infanzia e del sostegno, a costi accessibili e prodotti in Sicilia“, sottolinea l’assessore regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, Roberto Lagalla.

Inoltre – aggiunge –, il Distretto assicurerà su richiesta, grazie a un numero verde, una costante assistenza tecnica per garantire il mantenimento di elevati standard di sicurezza nei locali scolastici. Si tratta, ovviamente, di un’opportunità e non di un obbligo, poiché restano ferme l’autonomia amministrativa delle scuole e le regole esistenti per l’acquisto di forniture“.

Mimmo TuranoConvenzioni come quella firmata oggi con il Distretto Meccatronica – afferma l’assessore regionale alle Attività Produttive, Mimmo Turanosono la prova più concreta dell’importanza del ruolo e del contributo dei distretti produttivi che la Regione Siciliana ha rinnovato e rivitalizzato nel luglio 2020. Che le imprese facciano sistema tra di loro è importante per il loro futuro, ma anche per la Sicilia che in questo modo può contare su risorse e competenze preziosissime in questa fase così delicata segnata dagli effetti della pandemia“.

Antonello Mineo, presidente del Distretto produttivo Meccatronica Sicilia, aggiunge: “Siamo molto soddisfatti del protocollo di intesa firmato con gli assessorati all’Istruzione e alle Attività produttive. Con orgoglio possiamo dire che la competenza, la tecnologia e i Dpi “made in Sicily”, grazie a questa firma, vengono messi a disposizione del corpo insegnanti, degli studenti siciliani e del personale scolastico. Soprattutto in questo momento storico, in cui si stanno sviluppando indagini sulla validità di alcuni dispositivi prodotti. Meccatronica può garantire tecnologie e Dpi che rispondono alle certificazioni richieste dalle normative europee e dal ministero della Sanità, autoproduzione anti-Covid che queste aziende hanno avviato durante il primo lockdown, mettendosi subito a disposizione del sistema Sicilia“.

La convenzione si propone l’obiettivo di fornire supporto ai dirigenti e alle istituzioni di istruzione e formazione professionale, promuovendo negli istituti scolastici, nelle università e negli enti di formazione presenti sul territorio regionale, soluzioni “made in Sicily” sia in termini di Dpi, soluzioni intelligenti per la sanificazione, sistemi di monitoraggio dei flussi di pubblico con misurazione della temperatura, sia come attività di supporto tecnico per tutto ciò che riguarda il contenimento della diffusione del contagio virale. In piena emergenza pandemica, infatti, il Distretto produttivo ha promosso il programma “Meccatronica Sos“, favorendo la riconversione delle imprese per la progettazione e la produzione di dispositivi anti-Covid.

Meccatronica Sicilia si impegna a mettere a disposizione delle istituzioni scolastiche e formative consulenze gratuite per l’adozione di sistemi e procedure di contenimento della diffusione del Covid-19. La Regione Siciliana, invece, promuoverà, nelle forme più opportune, le possibilità offerte dalla convenzione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.