Regione e Trenitalia il balletto che non serve ai siciliani :ilSicilia.it

Manca ancora il contratto di servizio

Regione e Trenitalia, il balletto che non serve ai siciliani

di
26 Marzo 2018

La Regione prova a mettere pressione a Trenitalia, incardinando una serie di richieste volte a ottimizzare servizi e prestazioni, ma il risultato tangibile e concreto  rimane che il contratto di servizio con Trenitalia dev’essere ancora sottoscritto. Ne risentono i trasporti nell’Isola e in particolare il comparto messinese.

Sulla rete regionale è previsto, in un orizzonte relativamente immediato, un programma di investimenti infrastrutturali di durata quinquennale. I relativi allegati tecnici descrivono, oltre a quello attuale, due scenari di sviluppo infrastrutturale, rispettivamente di medio termine (2018-2020) e lungo termine (2025 e anni successivi). E sono questi che caratterizzano il prossimo contratto di servizio decennale.

In teoria una rete meno efficiente equivale a un’offerta ridotta, con un minor numero di treni in circolazione. Pericolo, questo, che sulla carta lo schema di accordo sembra voler scongiurare.

L’alta velocità e le grandi opere sembrano rimanere confinate peraltro in una dimensione di “sogni nel cassetto” che stenta a prendere forma oltre che a diventare operativa.

Nelle linee guida del Piano regionale dei trasporti, presentato nell’aprile scorso dal Governo Crocetta, il vettore ferroviario costituisce la spina dorsale dei collegamenti nell’Isola, con integrazioni e sinergie con le altre modalità di trasporto.

La provincia di Messina oggi conta 70 km di doppio binario sui circa 200 km complessivi da Taormina a Tusa, quindi un terzo della rete è a doppio binario, ma con una velocità massima consentita di 180 km/h, ben lontana dai 300 hm/h dell’alta velocità.

Per quanto riguarda il contratto di servizio, nelle prime settimane del 2018, un mese dopo l’insediamento del governo Musumeci, il traguardo sembrava a portata di mano. Poi, il silenzio. Forse si attende che l’assessore Marco Falcone riveda la bozza e concluda l’articolata riflessione preliminare.

 

LEGGI ANCHE:

Fondi alle famiglie povere, via gli enti inutili e biglietto unico per il trasporto locale. Pronto il Ddl di stabilità

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.