Regione. Ex partecipate, per la Cisl dopo due anni i lavoratori non sono stati ancora reintegrati :ilSicilia.it
Palermo

La legge è approvata ma ancora non scatta il reintegro

Regione. Ex partecipate, per la Cisl dopo due anni i lavoratori non sono stati ancora reintegrati

di
16 Febbraio 2018

“I  lavoratori licenziati delle ex partecipate regionali senza occupazione, da oltre due anni, non sono stati ancora reimmessi in servizio, nonostante una legge varata dall’Ars e approvata nel 2016 “, la denuncia arriva in una nota della Fisascat Cisl Sicilia. “Una vicenda sconcertante e inaccettabile  – afferma Mimma Calabrò, segretario generale del sindacato – e ad oggi non si intravedono azioni concrete che possano far presagire una soluzione. Rivendichiamo, per i lavoratori dell’albo unico, la reimmissione al lavoro in modo da porre fine a questa estenuante incertezza“. 

Sono 62 i lavoratori delle ex società partecipate poste in liquidazione (CiemCerisdiSpi – Lavoro Sicilia Quarit  e Terme di Sciacca) ai quali è stato già acclarato il diritto al reimpiego; circa 80 quelli che ancora attendono, pur avendone il diritto, di essere inseriti nell’albo (Sviluppo Italia SiciliaSicilia e Ricerca e una parte di Spi).

“Lavoratori – continua la Calabrò –  di quelle che erano strutture regionali che avevano una mission precisa e che rappresentavano uno strumento importante per interventi che agevolavano il lavoro della burocrazia regionale, tanto da avere ricevuto anche dei lodevoli riconoscimenti. Una vicenda quella dei lavoratori delle ex partecipate, in quell’albo albo varato nel 2014 dall’ex Governo Lombardo, in perenne attesa di chiamata, in cui si mescolano disperazione, speranze, attese vane e rimpallo di responsabilità tra politica e burocrazia. Ognuno sembra trovare le proprie ragioni, ma a pagarne il prezzo più alto sono proprio i lavoratori che, oramai di fatto, non lo sono più da tempo immemore. Eppure, una legge per favorire la loro ricollocazione,  l’Ars l’ha approvata nel settembre 2016. Ma la spinta legislativa non ha mai trovato attuazione nonostante le rassicurazioni ricevute. Infinite attese – aggiunge – che per i lavoratori si sono tradotte in un nulla di fatto nonostante la legge regionale n. 20, all’articolo 64, richiami con precisione il loro diritto ad essere ricollocati nelle altrettante società partecipate non in liquidazione “. 

A quella che viene indicata come la principale partecipata della Regione Siciliana, la Sas, vennero destinati 2,7 milioni di euro per la copertura finanziaria del triennio 2016/2019 per assumere e consentire ai lavoratori delle ex partecipate di svolgere le loro funzioni anche presso i Dipartimenti della stessa Regione, oggi carenti di organico e a più riprese in difficoltà a causa dei vuoti di personale.

“Un paradosso – sostiene Mimma Calabrò –  se si considera che esistono delle convenzioni, naturale viatico attraverso cui l’Amministrazione regionale potrebbe avvalersi delle professionalità inserite nell’albo degli ex dipendenti. Tra questi, il dipartimento Territorio e Ambiente, l’assessorato alle attività Produttive ma anche quello alla Famiglia ed Economia e Finanze. Uffici, questi, che segnalano lavoro in eccesso e carenza di personale.” 

Nonostante la situazione sia drammatica, i lavoratori delle ex partecipate hanno sempre manifestato il loro disagio nel modo più corretto nonostante le lungaggini burocratiche e le fasi di stallo.

“Per i lavoratori , tra l’altro altamente qualificati e con esperienze e know how importanti, non è più ammissibile reggere questo peso, hanno il sacrosanto diritto di essere reimmessi in servizio”. E si profila una manifestazione a Roma pur di restituire serenità alle loro famiglia e riprendersi la negata dignità lavorativa. “Basta, quindi, ai rimpalli, ai cavilli burocratici, allo scaricabarile e agli stop dovuti alle continue campagne elettorali che si susseguono. La Fisascatconclude Calabrò – chiede a tutte le istituzioni coinvolte di adoperarsi subito per porre positivamente fine a questa interminabile odissea”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin