Regione, impugnata la manovra dell'Ars. Arriva la stangata del Governo :ilSicilia.it

Il collegato alla Finanziaria regionale

Regione, impugnata la manovra dell’Ars. Arriva la stangata del Governo

di
24 Ottobre 2017

Il Consiglio dei ministri ha impugnato alcune norme del collegato alla legge di stabilità della Regione siciliana, che era stato approvato dall’Assemblea regionale all’inizio di agosto.

Per l’assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei, “non c’è alcun impatto sul bilancio della Regione, in quanto si tratta di undici norme, dieci delle quali di iniziativa parlamentare per lo più da parte delle opposizioni, che non incidono sull’impianto finanziario”.

Secondo il Consiglio dei ministri “le disposizioni presentano profili di illegittimità costituzionale” in quanto per alcune norme manca la copertura finanziaria e per altre è stata invasa la competenza dello Stato.

Tra le norme impugnate quelle che riguardano il trattamento giuridico ed economico dei pubblici dipendenti (ufficio stampa), le disposizioni in materia di piani paesaggistici, la rimozione e lo smaltimento dei manufatti in amianto, il ticket sanitario, il canone di demanio marittimo, l’inserimento dell’Arpa come ente del servizio sanitario regionale.

 

nutiNuti, governo impugna legge regionale pro-abusi

“Ricordate la richiesta fatta giorni fa e più volte al Governo di impugnare la legge siciliana approvata ad agosto all’ARS? Ecco oggi il Governo nazionale ha impugnato la legge”. Così il deputato, sospeso dal M5s ed ora al Misto, Riccardo Nuti in un post in cui rivendica di aver sollecitato più volte il Governo e il ministro Galletti ad impugnare “la legge siciliana pro-abusi edilizi”.

“Questa legge chiamata pro-abusi esonera la Regione Siciliana dall’invio dei commissari in quei comuni che non procedono alle demolizioni degli immobili abusivi. Speriamo che con questa impugnazione, che avevo chiesto tramite interrogazione parlamentare, si possano ripristinare i doveri della Regione e così procedere con quella tutela dell’ambiente e del paesaggio promesso da tanti ma perseguito e realizzato da pochi”.

Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia, dichiara: Vittoria. Il governo nazionale ha accolto la nostra richiesta e ha impugnato il vergognoso articolo voluto dal governo Crocetta che permetteva alla politica di stravolgere e cancellare i piani paesistici, strumento tecnico di difesa dei territori. Una norma sbagliata, pericolosa, scritta anche talmente male che sarebbe stata comunque inapplicabile in Sicilia. Abbiamo sconfitto i cementificatori, quelli che vogliono operare senza regole, coloro i quali non sono ancora contenti dei tanti disastri e delle tante ferite subite dal nostro paesaggio e dalle nostre tante bellezze. Adesso andiamo avanti, con maggiore celerità e forza nell’approvazione degli altri piani paesistici a cominciare da quello di Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin