Regione, la Lega invoca la svolta: "Basta tirare a campare" :ilSicilia.it

LE PAROLE DEL LEADER DEL CARROCCIO SICILIANO

Regione, la Lega invoca la svolta: “Basta tirare a campare”

di
2 Aprile 2021

Sono convinto che il centrodestra, come elettorato, in Sicilia sia assolutamente maggioranza“, in questo momento “nella classe dirigente c’è un po’ di confusione da un punto di vista politico“, “le tensioni e le frizioni sono più che legittime“, ma “adesso serve una svolta“, che porti “a una strategia“, perché finora “è mancato un raccordo, non c’è stata una visione chiara” e “non si può solo gestire l’ordinario per tirare a campare“.

All’indomani della finanziaria, che ha mandato in frantumi la maggioranza, il segretario della Lega in Sicilia, Nino Minardo, lancia un appello ai partiti della coalizione e al governo Musumeci “per dare un segnale di svolta“.

Da quando sono alla guida della Lega ho sempre avuto un atteggiamento critico ma costruttivo – dice Minardo –. Avevamo proposto il ritiro degli emendamenti alla manovra con l’obiettivo di varare un testo che desse risposte alle persone e alle imprese che soffrono per la crisi provocata dalla pandemia. E invece, abbiamo prodotto una finanziaria che non crea entusiasmo, frastagliata. Anche con quelle poche risorse disponibili, la manovra poteva essere l’occasione per dare un segnale di ristoro e per lanciare un segnale di tipo politico“.

Un’occasione persa, insomma. Sintomo di uno scollamento della coalizione e di assenza di dialogo col governo?
Posso dire che da quando sono alla guida della Lega in Sicilia sicuramente noto uno scollamento, ma non do la colpa al governo Musumeci o alla maggioranza che sta in Parlamento: la responsabilità è dei partiti. Siccome parliamo di governo di coalizione, i partiti devono fare il proprio mestiere“, prosegue.

Per Minardo “è mancato un raccordo“. “Il mio auspicio è che ci si incontri, si discuta – afferma –. Un governo di coalizione deve avere una visione chiara, che a mio avviso è mancata, la sensazione è che si tiri a campare, gestendo soltanto l’ordinario“. E “invece bisogna lavorare per avere una propria visione, focalizzarsi su pochi ma fondamentali punti, per spiegare cosa si vuol fare di questa terra di Sicilia“.

Come Lega stiamo lavorando in questo senso, i nostri focus ruotano in gran parte attorno al Recovery Fund – sottolinea il leader del Carroccio siciliano –. Le risorse che arriveranno a breve ci consentiranno di poter realizzare quelle opere fondamentali che mancano nell’isola e creare le condizioni per svoltare“.

Da qui l’appello agli alleati e al governo Musumeci: “Abbiamo l’ultimo anno e mezzo di legislatura e poi la prospettiva – conclude Minardo -. Concentriamoci su questi due aspetti, decidiamo insieme come affrontare questi mesi che ci separano al ritorno alle urne. Io lavoro per un centrodestra unito e il più allargato possibile alle forze sociali dei territori“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin