Regione, l'attacco di Sunseri (M5S): "Carrozzone di enti e partecipate" :ilSicilia.it

I dati dell'indagine condotta dal deputo

Regione, l’attacco di Sunseri (M5S): “Carrozzone di enti e partecipate”

di
22 Luglio 2021

In Sicilia sono 163 le aziende pubbliche controllate dalla Regione, molte hanno bilanci in passivo: si tratta di 71 enti,13 società partecipate, 24 organismi strumentali e 55 in liquidazione. In pancia hanno in totale 6.997 dipendenti, pari a circa la metà dei lavoratori diretti regionali. Il solo personale delle 13 partecipate costa 235 milioni di euro, per il resto è difficile quantificare i costi.

E’ quanto emerge dall’indagine “Il lato oscuro della Regione, cifre e dati inediti sugli sprechi delle partecipate e degli enti siciliani”, condotta dal deputato regionale del M5s, Luigi Sunseri. “E’ stato un lavoro di un anno – dice in conferenza stampa online – Col mio staff abbiamo girato tutti gli enti della Regione. Siamo stati a Ragusa, a Messina, nel catanese: un giro per tutto il territorio, provando a incontrare presidenti e commissari. Siamo la Regione che probabilmente ha piu’ enti e società di tutte le regioni d’Italia, da li’ una montagna di nomine che permette alla politica di gestire il potere”. La deputata M5s, Gianina Ciancio, ha sottolineato che “la gran parte dei dati sono stati recuperati da Sunseri perche’ sulla stragrande maggioranza di queste aziende non c’è trasparenza, nessun dato viene pubblicato come prevede la legge”.

Alcuni dei dati del rapporto sono stati estrapolati dal bilancio consolidato degli enti, fermo dallo scorso aprile in commissione Finanze all’Ars. “L’attività che ho portato avanti dovrebbe essere svolta dagli uffici dei dipartimenti della Regione, ma spesso sono manchevoli – afferma Sunseri – Abbiamo un senso di impotenza, si tratta di un sistema che e’ marcio. Spesso facciamo esposti e denunce in Assemblea, ma
non c’è reazione. Mi auguro che questo studio sia parte fondamentale del programma elettorale per le regionali del 2022“.

Sunseri ha spiegato che le maggiori difficoltà nel reperire le informazioni le ha avute con “Sicilia digitale” e “Interporti siciliani”: “Mi hanno fatto impazzire, ho proceduto anche con esposti in Procura su ciò che ritengo illecito, sarà la magistratura ad accertare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin