Regione, Lo Giudice passa all'Udc: si rafforza il gruppo parlamentare :ilSicilia.it

Il partito vuole ripartire dal ''pensiero sturziano''

Regione, Lo Giudice passa all’Udc: si rafforza il gruppo parlamentare

11 Giugno 2019

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo dei Normanni, il parlamentare regionale Danilo Lo Giudice, iscritto al gruppo misto, ha comunicato il suo passaggio ufficiale all’Udc.

Il suo passaggio al gruppo guidato dalla capogruppo Eleonora Lo Curto è stato ufficializzato alla presenza del coordinatore politico regionale del Partito Decio Terrana, dell’ assessore regionale alle attività produttive Mimmo Turano, del gruppo parlamentare e del sindaco della città metropolitana di Messina Cateno De Luca.

L’ assessore Mimmo Turano ha evidenziato l’ ottimo risultato del partito nelle passate elezioni regionali e ringraziato il giovane deputato Danilo Lo Giudice per la scelta politica in continuità con l’accordo elettorale stretto con il movimento politico Sicilia Vera.

Decio Terrana ha portato i saluti del segretario nazionale Lorenzo Cesa ed ha evidenziato le doti amministrative e politiche di Danilo Lo Giudice.

Oggi con l’ adesione dell’ Lo Giudice si rafforza l’Udc, un giovane – ha detto Terrana impegnato in politica con impegno, competenza e serietà, siamo felici del suo ingresso nel gruppo dell’ Udc che vede oggi anche tanti amministratori avvicinarsi al nostro partito, presto organizzeremo un incontro con 100 giovani provenienti da tutta la Sicilia per evidenziare il volto giovane e impegnato della politica, l’ Udc è un partito impegnato quotidianamente sul territorio e sostiene con lealtà la politica riformatrice del presidente Musumeci.”

La capogruppo Eleonora Lo Curto nel ringraziare Lo Giudice per l’ adesione ha evidenziato l’impegno parlamentare dell’ Udc e i valori del popolarismo sturziano che devono contraddistinguere il partito.

Danilo Lo Giudice ha ringraziato tutti presenti e manifestato l’ impegno a sostegno delle politiche del partito, ha ringraziato i componenti del gruppo misto e manifestato l’ impegno a sostegno del territorio messinese.

“Occorre avere una particolare attenzione nei confronti degli amministratori locali – ha dichiarato Lo Giudice – e delle piccole comunità che costituiscono i reali punti di riferimento sul territorio, un grazie anche a De Luca al quale mi lega una profonda amicizia e un consolidato percorso politico a sostegno del nostro territorio”.

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, visibilmente commosso per l’ evento, ha sottolineato il leale rapporto politico con il segretario nazionale del partito dell’ Udc Lorenzo Cesa e l’ impegno a sostegno dello sviluppo del territorio, una sfida che deve coinvolgere tutti.

Soddisfazione è stata espressa anche da parte di Giovanni BullaVincenzo Figuccia. Quest’ultimo ha dichiarato:

“Con l’adesione di Danilo Lo Giudice si dà continuità al progetto voluto da Lorenzo Cesa che ci vede tutti ripartire dal pensiero sturziano, oggi occorre valorizzare il ruolo e il protagonismo delle autonomie locali, l’Udc vuole investire sulla formazione e sul volto giovane della politica, Danilo ne è un valido esempio, tra le prossime iniziative ci sarà un percorso di formazione politica che si svolgerà in tutte le province siciliane.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.