7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.24

Il partito vuole ripartire dal ''pensiero sturziano''

Regione, Lo Giudice passa all’Udc: si rafforza il gruppo parlamentare

11 Giugno 2019

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo dei Normanni, il parlamentare regionale Danilo Lo Giudice, iscritto al gruppo misto, ha comunicato il suo passaggio ufficiale all’Udc.

Il suo passaggio al gruppo guidato dalla capogruppo Eleonora Lo Curto è stato ufficializzato alla presenza del coordinatore politico regionale del Partito Decio Terrana, dell’ assessore regionale alle attività produttive Mimmo Turano, del gruppo parlamentare e del sindaco della città metropolitana di Messina Cateno De Luca.

L’ assessore Mimmo Turano ha evidenziato l’ ottimo risultato del partito nelle passate elezioni regionali e ringraziato il giovane deputato Danilo Lo Giudice per la scelta politica in continuità con l’accordo elettorale stretto con il movimento politico Sicilia Vera.

Decio Terrana ha portato i saluti del segretario nazionale Lorenzo Cesa ed ha evidenziato le doti amministrative e politiche di Danilo Lo Giudice.

Oggi con l’ adesione dell’ Lo Giudice si rafforza l’Udc, un giovane – ha detto Terrana impegnato in politica con impegno, competenza e serietà, siamo felici del suo ingresso nel gruppo dell’ Udc che vede oggi anche tanti amministratori avvicinarsi al nostro partito, presto organizzeremo un incontro con 100 giovani provenienti da tutta la Sicilia per evidenziare il volto giovane e impegnato della politica, l’ Udc è un partito impegnato quotidianamente sul territorio e sostiene con lealtà la politica riformatrice del presidente Musumeci.”

La capogruppo Eleonora Lo Curto nel ringraziare Lo Giudice per l’ adesione ha evidenziato l’impegno parlamentare dell’ Udc e i valori del popolarismo sturziano che devono contraddistinguere il partito.

Danilo Lo Giudice ha ringraziato tutti presenti e manifestato l’ impegno a sostegno delle politiche del partito, ha ringraziato i componenti del gruppo misto e manifestato l’ impegno a sostegno del territorio messinese.

“Occorre avere una particolare attenzione nei confronti degli amministratori locali – ha dichiarato Lo Giudice – e delle piccole comunità che costituiscono i reali punti di riferimento sul territorio, un grazie anche a De Luca al quale mi lega una profonda amicizia e un consolidato percorso politico a sostegno del nostro territorio”.

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, visibilmente commosso per l’ evento, ha sottolineato il leale rapporto politico con il segretario nazionale del partito dell’ Udc Lorenzo Cesa e l’ impegno a sostegno dello sviluppo del territorio, una sfida che deve coinvolgere tutti.

Soddisfazione è stata espressa anche da parte di Giovanni BullaVincenzo Figuccia. Quest’ultimo ha dichiarato:

“Con l’adesione di Danilo Lo Giudice si dà continuità al progetto voluto da Lorenzo Cesa che ci vede tutti ripartire dal pensiero sturziano, oggi occorre valorizzare il ruolo e il protagonismo delle autonomie locali, l’Udc vuole investire sulla formazione e sul volto giovane della politica, Danilo ne è un valido esempio, tra le prossime iniziative ci sarà un percorso di formazione politica che si svolgerà in tutte le province siciliane.”

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.