Regione, l'Ugl Fna: "Proclamato lo stato di agitazione nella SaS" :ilSicilia.it

Servizi ausiliari Sicilia

Regione, l’Ugl Fna: “Proclamato lo stato di agitazione nella SaS”

19 Aprile 2019

L’UGL FNA stigmatizza assieme ad altre Organizzazioni sindacali “l’inaccettabile comportamento dei vertici della SaSServizi ausiliari Sicilia (società partecipata della Regione Siciliana che si occupa di pulizie, portierato e facchinaggio), che nonostante fosse stata convocata per giovedì 18 aprile al fine di affrontare argomenti importanti, non si è presentata senza giustificato motivo.

“I problemi che affliggono la Società sono tanti ed estremamente rilevanti– si legge in una nota dell’UGL FNA – dalla mancata erogazione del salario accessorio del 2018 e della indennità, alla vicenda dei dipendenti che svolgono il proprio lavoro in part–time da moltissimi anni nonostante la Finanziaria del 2018 prevedeva l’impiego a tempo pieno”.

“Pertanto a seguito di quanto accaduto – conclude il sindacato UGL FNA – è stato comunicato al Presidente della Società lo stato d’agitazione e che le organizzazioni sindacali e i dipendenti dovranno essere convocati entro 10 giorni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.