14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.49

la nomina questa sera

Regione, Manlio Messina (Fratelli d’Italia) nuovo assessore al Turismo

5 Luglio 2019

Fumata bianca per  Manlio Messina di Fratelli di Italia, come nuovo assessore regionale al Turismo. La tanto attesa nomina da parte del presidente della Regione Nello Musumeci del fedelissimo di Giorgia Meloni è arrivata nel tardo pomeriggio. L’uomo in giunta, voluto fortemente dalla leader di Fratelli d’Italia, ha preso il posto dell’ex assessore al Turismo Sandro Pappalardo, che lo scorso 5 giugno si era dimesso per andare a ricoprire il prestigioso incarico all’Enit, Ente nazionale per il Turismo.

Una sostituzione di poltrona facile, a prima vista, in quanto il partito “assegnatario” di quell’assessorato era proprio Fratelli d’Italia. Ma la nomina, però, stentava ad arrivare a causa di qualche mugugno di ambienti governativi della Sicilia orientale nei confronti del catanese Manlio Messina.

Ma il cielo ieri si è schiarito per il neo assessore che ha dichiarato a ilSicilia.it: “Abbiamo avuto ore abbastanza impegnative, belle, ma impegnative. C’è tanto da lavorare. Può sembrare una frase fatta, ma abbiamo un tesoro nelle mani, e abbiamo la necessità di poterlo valorizzare al meglio. Il turismo non passa non solo da ciò che teniamo naturalisticamente, ma passa anche da altri temi fondamentali per fare turismo”.

“E’ necessario – aggiunge Manlio Messina – un piano infrastrutturale serio. Abbiamo bisogno di aeroporti funzionanti, ferrovie, autobus. Il turismo deve essere accompagnato da tutte le altre deleghe. Ci sarà molto da fare. Io non mi spavento di questo. Anzi, per me è motivo di grande orgoglio. Gli uomini all’interno dell’assessorato sono assolutamente di fiducia, probabilmente faremo un aggiustamento di assetto organizzativo. Ma ancora è troppo presto per parlarne”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.