Regione: "Metteremo spalle al muro il Governo: sì al Ponte sullo Stretto" :ilSicilia.it
Messina

Lo dice l'assessore Marco Falcone

Regione: “Metteremo spalle al muro il Governo: sì al Ponte sullo Stretto”

11 Novembre 2018

«Il Governo Musumeci sarà in prima linea nel ribadire la necessità improcrastinabile e strategica della costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina». Lo afferma l’assessore regionale delle Infrastrutture, Marco Falcone, accogliendo l’invito giunto ieri dalla Rete civica delle Infrastrutture per il Mezzogiorno. L’associazione ha promosso a Palazzo Zanca il forum “Ponte: sviluppo e lavoro”, programmando per il prossimo 19 gennaio 2019 un incontro con il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, alla presenza anche del Governo regionale.

Bellomo, Falcone e Musumeci, treni«Saremo presenti – ha proseguito Falcone – per porre ancor di più il Governo nazionale davanti a un bivio: puntare finalmente sugli investimenti infrastrutturali a Sud e in Sicilia, abbandonando i diktat dell’ideologia, oppure lasciare la nostra Isola a un destino di arretratezza e ancor maggiore isolamento». 

Per l’esponente del Governo Musumeci non c’è più tempo da perdere: «Lo Stato deve dirci chiaramente cosa vuole fare, non solo sul tema Ponte, ma anche sul resto delle opere pubbliche cruciali per la Sicilia come la Ragusa-Catania e il completamento della Siracusa-Gela. Ho già ribadito in più sedi – spiega ancora l’assessore Falcone – che la Regione, qualora fosse necessario, è pronta a fare la sua parte cofinanziando ulteriormente entrambe le arterie nell’auspicio, però, che lo Stato non rimanga indifferente al completamento della infrastrutturazione siciliana. Nei prossimi giorni – conclude Falcone – chiederemo un incontro con il ministro Danilo Toninelli per comprendere concretamente le volontà del Governo nazionale».

 

LEGGI ANCHE:

Ponte sullo Stretto. Falcone: “Regione poserà prima pietra entro il 2023”

Il sondaggio Swg: Italiani favorevoli alle grandi opere. Bocciato solo il Ponte sullo Stretto

Berlusconi e la solita promessa: “Il Ponte sullo Stretto è la prima cosa da fare”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.