Regione, Miccichè vuole cambiare tutti gli assessori di Forza Italia :ilSicilia.it

la volontà del presidente dell'ars

Regione, Miccichè vuole cambiare tutti gli assessori di Forza Italia

di
8 Luglio 2020

Il coordinatore azzurro in Sicilia Gianfranco Miccichè a giorni potrebbe presentare sul tavolo del governatore Nello Musumeci i Armaomandati dei quattro assessori in giunta in quota Forza Italia. Il plenipotenziario di Silvio Berlusconi nell’Isola riterrebbe necessario un rimpasto di giunta.

Marco Falcone

Una matassa da sciogliere che si va ad aggiungere al puzzle delle prossime elezioni amministrative in autunno. In bilico, quindi, ci sarebbero gli assessori di Forza Italia nominati ad inizio legislatura: Marco Falcone alle Infrastrutture, Edy Bandiera all’Agricoltura, Bernardette Grasso alle Autonomie e Gaetano Armao al Bilancio.

Questa la formazione che rischia di essere azzerata con nuovi assessori azzurri, magari deputati o tecnici. Tra gli attuali componenti della giunta in quota azzurra, quello che rischia di più sarebbe Armao. Non è un segreto che tra il presidente dell’Ars e l’assessore al Bilancio non ci sia un grande feeling. Da tempo all’interno di Palazzo dei

Edy Bandiera
Edy Bandiera

Normanni il vicegovernatore è stato messo in discussione.

Una giunta di centrodestra, nella quale Armao, avvocato amministrativista, occupa un posto di tutto rilievo su indicazione esplicita di Silvio Berlusconi in persona. La stima politica del Cavaliere per Armao, però, avrebbe perso qualche asticella, anche per via dell’intervento della moglie-deputato di Armao, Giusi Bartolozzi, a Montecitorio, che ha stigmatizzato fortemente il polemico intervento di Vittorio Sgarbi sulla magistratura (il critico d’arte è stato portato via di peso dall’Aula di Montecitorio).

Insomma, sembra che in Sicilia  sia arrivato il momento di mischiare le carte del governo regionale, almeno a sentire Micciché. D’altronde in una intervista rilasciata a IlSicilia.it,  il Presidente dell’Ars è stato lapidario: “Dei venticelli della politica mi dicono che c’è bisogno di un rimpasto. Io ancora non ho chiesto nulla a Musumeci. Ma credo che se esistesse una esigenza politica di rimpasto, il presidente non possa rifiutarsi. Queste sono scelte del partito che vanno rispettate. Fermo restando che Musumeci ha il diritto e il dovere di rifiutare potenziali assessori proposti”.

Tremano quindi le poltrone degli assessorati tra il caldo estivo e la voglia di rimpasto da parte del presidente dell’Ars, che – sono le voci di corridoio a Palazzo dei Normanni – sarebbe la stessa di buona parte della maggioranza.

Difficile, invece, chelo stesso desiderio lo abbia il governatore. Si tratterebbe, infatti, dell’ennesima incombenza da affrontare. Il rimpasto si andrebbe ad aggiungere anche alla scelta del movimento del presidente etneo di federarsi con la Lega di Salvini o meno. Senza contare le amministrative alle porte. “Odio L’Estate” cantava il pianista Bruno Martino nel 1960.

 

LEGGI ANCHE:

Miccichè: “Rimpasto sicuro. Ben venga il centrodestra allargato, ma con Salvini” | INTERVISTA

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.