19 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 15.33

"Abbiamo più di otto miliardi di indebitamento"

Regione, Musumeci: “Tagli ovunque, bilancio impossibile. La stagione delle vacche grasse è finita”

14 aprile 2018

Situazione economica disastrosa, lo spettro dei tagli lineari e un bilancio che se hai gli stivali ti manca l’ombrello e se hai l’ombrello ti mancano gli stivali. Il grido di allarme è del presidente della Regione, Nello Musumeci, che con l’esecutivo sta tentando di incastrare con un “Tetris” economico i danni finanziari di una “condizione disastrosa“.

I tagli sono ovunque non solo alla cultura, è un bilancio ingessato, un bilancio impossibile”, ha dichiarato oggi al Museo di Messina. “Voi non potete immaginare quante difficoltà abbiamo trovato e stiamo continuando a trovare, basti pensare che solo i disabili gravissimi costano ai siciliani 220 milioni di euro“.

Abbiamo dovuto tagliare tutti i capitoli – prosegue Musumecisono convinto che in sede di esame del bilancio troveremo, con la complicità piacevole delle forze parlamentari, il modo per ridurre i tagli perché la cultura assieme alle politiche sociali , alle infrastrutture, alla politica del turismo non possono e non devono essere penalizzati ma si sappia che la spesa pubblica non può più essere un pozzo senza fondo ormai siamo arrivati al collasso e al limite“.

“Abbiamo trovato una condizione finanziaria disastrosa , oltre 8 miliardi di indebitamento, la coperta è sempre più corta, ogni anno allo Stato paghiamo un miliardo e 350 milioni di contributo per il risanamento della finanza pubblica e Roma dovrebbe darci almeno 600 milioni perché sulle accise finora si è compiuto a nostro danno un furto con destrezza. Abbiamo impugnato il bilancio dello Stato – conclude –  perchè non siamo più disposti a subire, ma si sappia che è finita la bella stagione delle vacche grasse”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.