Regione, ritorna l'idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni :ilSicilia.it
Palermo

Dovrebbe sorgere in via Ugo la Malfa

Regione, ritorna l’idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni

19 Marzo 2018

Ritorna in auge il progetto del nuovo Centro direzionale della Regione. Un’opera faraonica dal costo di circa 300 milioni di euro. L’obiettivo del governo Musumeci è di risparmiare dalla voce “affitti” e riunire tutti gli assessorati in un’unica sede.

La destinazione prescelta è l’attuale Assessorato regionale Territorio e Ambiente, sito in via Ugo la Malfa a Palermo, come anticipato oggi dalle colonne del Giornale di Sicilia. Secondo quanto riporta il quotidiano di via Lincoln, l’edificio prevede 3 torri (da venti e trenta piani) che prenderanno il posto degli attuali edifici, per una superficie complessiva di 85mila metri quadrati, con uffici per i 4.250 dipendenti.

“Entro fine legislatura” è l’obiettivo della Giunta Musumeci è far nascere questo colosso, per cui però al momento manca la copertura finanziaria e per cui il governo regionale prevede di aprire un mutuo da attivare presso la Cassa depositi e prestiti.

«Musumeci – scrive il Gds – ha affidato la redazione del progetto preliminare all’ingegnere Tuccio D’Urso, capo del dipartimento Energia. E il progetto è già pronto. Ambizioso e costoso. Il costo sarà di almeno 280 milioni: 212 per la parte riservata agli uffici e 70 per la parte commerciale. Sottoterra ci saranno tre piani (45 mila metri quadrati): un parcheggio da almeno 1.500 auto per i dipendenti e il pubblico degli uffici e l’archivio regionale. Il piano è così ambizioso che prevede anche la creazione di un polo didattico comprendente l’asilo, la scuola elementare e la media per i figli dei dipendenti”.

Ultimato il progetto preliminare, si prevede di completare le autorizzazioni entro la fine del 2018 per bandire la gara d’appalto nel 2019. La realizzazione dovrebbe essere completata prima delle elezioni del 2022.

armaoGià 7 anni fa l’attuale assessore all’Economia Gaetano Armao lo aveva proposto dove poi è nato il Parco Uditore“Ci stiamo lavorandoconferma Armao a ilSicilia.itè la soluzione per rispondere alle esigenze di dislocazione degli uffici regionali, come è avvenuto in Lombardia con il grattacielo della regione lombarda. Un’iniziativa per razionalizzare i costi in termini di risorse, energie, spostamenti”.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.