18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Palermo

Dovrebbe sorgere in via Ugo la Malfa

Regione, ritorna l’idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni

19 Marzo 2018

Ritorna in auge il progetto del nuovo Centro direzionale della Regione. Un’opera faraonica dal costo di circa 300 milioni di euro. L’obiettivo del governo Musumeci è di risparmiare dalla voce “affitti” e riunire tutti gli assessorati in un’unica sede.

La destinazione prescelta è l’attuale Assessorato regionale Territorio e Ambiente, sito in via Ugo la Malfa a Palermo, come anticipato oggi dalle colonne del Giornale di Sicilia. Secondo quanto riporta il quotidiano di via Lincoln, l’edificio prevede 3 torri (da venti e trenta piani) che prenderanno il posto degli attuali edifici, per una superficie complessiva di 85mila metri quadrati, con uffici per i 4.250 dipendenti.

“Entro fine legislatura” è l’obiettivo della Giunta Musumeci è far nascere questo colosso, per cui però al momento manca la copertura finanziaria e per cui il governo regionale prevede di aprire un mutuo da attivare presso la Cassa depositi e prestiti.

«Musumeci – scrive il Gds – ha affidato la redazione del progetto preliminare all’ingegnere Tuccio D’Urso, capo del dipartimento Energia. E il progetto è già pronto. Ambizioso e costoso. Il costo sarà di almeno 280 milioni: 212 per la parte riservata agli uffici e 70 per la parte commerciale. Sottoterra ci saranno tre piani (45 mila metri quadrati): un parcheggio da almeno 1.500 auto per i dipendenti e il pubblico degli uffici e l’archivio regionale. Il piano è così ambizioso che prevede anche la creazione di un polo didattico comprendente l’asilo, la scuola elementare e la media per i figli dei dipendenti”.

Ultimato il progetto preliminare, si prevede di completare le autorizzazioni entro la fine del 2018 per bandire la gara d’appalto nel 2019. La realizzazione dovrebbe essere completata prima delle elezioni del 2022.

armaoGià 7 anni fa l’attuale assessore all’Economia Gaetano Armao lo aveva proposto dove poi è nato il Parco Uditore“Ci stiamo lavorandoconferma Armao a ilSicilia.itè la soluzione per rispondere alle esigenze di dislocazione degli uffici regionali, come è avvenuto in Lombardia con il grattacielo della regione lombarda. Un’iniziativa per razionalizzare i costi in termini di risorse, energie, spostamenti”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.