Regione, ritorna l'idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni :ilSicilia.it
Palermo

Dovrebbe sorgere in via Ugo la Malfa

Regione, ritorna l’idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni

di
19 Marzo 2018

Ritorna in auge il progetto del nuovo Centro direzionale della Regione. Un’opera faraonica dal costo di circa 300 milioni di euro. L’obiettivo del governo Musumeci è di risparmiare dalla voce “affitti” e riunire tutti gli assessorati in un’unica sede.

La destinazione prescelta è l’attuale Assessorato regionale Territorio e Ambiente, sito in via Ugo la Malfa a Palermo, come anticipato oggi dalle colonne del Giornale di Sicilia. Secondo quanto riporta il quotidiano di via Lincoln, l’edificio prevede 3 torri (da venti e trenta piani) che prenderanno il posto degli attuali edifici, per una superficie complessiva di 85mila metri quadrati, con uffici per i 4.250 dipendenti.

“Entro fine legislatura” è l’obiettivo della Giunta Musumeci è far nascere questo colosso, per cui però al momento manca la copertura finanziaria e per cui il governo regionale prevede di aprire un mutuo da attivare presso la Cassa depositi e prestiti.

«Musumeci – scrive il Gds – ha affidato la redazione del progetto preliminare all’ingegnere Tuccio D’Urso, capo del dipartimento Energia. E il progetto è già pronto. Ambizioso e costoso. Il costo sarà di almeno 280 milioni: 212 per la parte riservata agli uffici e 70 per la parte commerciale. Sottoterra ci saranno tre piani (45 mila metri quadrati): un parcheggio da almeno 1.500 auto per i dipendenti e il pubblico degli uffici e l’archivio regionale. Il piano è così ambizioso che prevede anche la creazione di un polo didattico comprendente l’asilo, la scuola elementare e la media per i figli dei dipendenti”.

Ultimato il progetto preliminare, si prevede di completare le autorizzazioni entro la fine del 2018 per bandire la gara d’appalto nel 2019. La realizzazione dovrebbe essere completata prima delle elezioni del 2022.

armaoGià 7 anni fa l’attuale assessore all’Economia Gaetano Armao lo aveva proposto dove poi è nato il Parco Uditore“Ci stiamo lavorandoconferma Armao a ilSicilia.itè la soluzione per rispondere alle esigenze di dislocazione degli uffici regionali, come è avvenuto in Lombardia con il grattacielo della regione lombarda. Un’iniziativa per razionalizzare i costi in termini di risorse, energie, spostamenti”.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.