Regione: salta il taglio del 5% alle spese di gestione delle partecipate :ilSicilia.it

la delibera della giunta musumeci

Regione: salta il taglio del 5% alle spese di gestione delle partecipate

di
5 Gennaio 2021

Sicilia Digitale potrà assumere nel 2021 “esclusivamente” figure tecnico-informatiche con contratti a tempo determinato e non altre tipologie di personale, mentre rimane il divieto di assunzione per il resto delle società partecipate, ad eccezione di Irfis e Seus. E’ una delle due modifiche dell’ultim’ora al piano di revisione delle partecipazion.

Facendo proprie le osservazioni del governatore Nello Musumeci la giunta ha stabilito che “tenuto conto che la società è oggetto di una procedura di concentrazione societaria con Parco Scientifico e Tecnologico Scpa e Società degli Interporti Siciliani Spa, appare utile e prudente consentire alla stessa Sicilia Digitale, come eccezione al generale divieto di assunzioni, di stipulare esclusivamente contratti a tempo determinato per figure tecnico informatiche”.

L’altra novità riguarda il taglio di alcune spese per le partecipate: era stata prevista una riduzione di quelle di amministrazione e gestione del 5% annuo per un triennio (con base 2018), mentre la giunta, sempre su osservazione del governatore, alla fine ha deliberato che “in ragione della specificità di ciascuna delle società partecipate, appare utile che sia consentito l’aumento delle spese ove ciò sia necessario e funzionale all’aumento dei ricavi e/o dei servizi offerti”.

“Si tratta del rispetto del principio di efficienza – si legge nella delibera – ed è coerente con gli scopi che le medesime società devono perseguire, pertanto, come eccezione al generale principio di riduzione delle spese di amministrazione, si ritiene utile escludere i costi necessari e/o funzionali ad una più efficiente gestione della società ed all’aumento dei ricavi e/o dei servizi offerti”.

Confermati, invece, gli altri punti proposti dall’assessore: obbligo di effettuare i necessari reclutamenti per il turn-over esclusivamente mediante applicazione del D.lgs 175 del 2016; trasformazione in Agenzia della Seus Spa; chiusura delle liquidazioni entro il 31 dicembre 2021, con trasferimento degli eventuali contenziosi a una struttura-veicolo; definire il conferimento di Resais a Sas per creare sinergie amministrative ed organizzative con un amministratore unico; concentrazione societaria tra Sicilia Digitale Spa, Parco Scientifico e Tecnologico Scpa e società degli Interporti Siciliani Spa.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.