Regione Siciliana e Asp Palermo: "Stabilizzati 39 precari" :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Regione Siciliana e Asp Palermo: “Stabilizzati 39 precari”

di
15 Settembre 2020

L’assessorato alla Salute della Regione siciliana e l’Asp di Palermo continuano a mantenere alto il livello di attenzione in materia di stabilizzazione del personale ex Lsu, nell’ottica dell’azzeramento del precariato storico che da 25 anni si è perpetrato nell’Azienda sanitaria del capoluogo.

In continuità con l’accordo sottoscritto con le organizzazioni sindacali all’inizio delle operazioni di stabilizzazione avviate dall’attuale Direzione aziendale, sono state decisi nuovi reclutamenti che porteranno alla firma del contratto a tempo indeterminato di 10 nuovi coadiutori amministrativi, 10 operatori tecnici informatici e 5 operatori tecnici magazzinieri.

I posti saranno ricoperti dai contrattisti mediante scorrimento delle graduatorie esistenti. Sono, inoltre, in corso di definizione le procedure interne che consentiranno di aumentare da 3 a 14 i posti da assegnare di autista categoria BS. L’incremento consentirà di rendere vacanti e disponibili 14 posti di autista categoria B, da assegnare, secondo l’ordine di graduatoria, ad altrettanti contrattisti che hanno, già, partecipato alla selezione dedicata.

Complessivamente verranno, pertanto, stabilizzati 39 precari che si aggiungono agli oltre 300 che hanno firmato il contratto a tempo indeterminato ad inizio 2020.

L’Asp di Palermo ha, anche, attivato due nuovi corsi di qualificazione professionale di operatore socio sanitario (riservati, sempre, al personale ex Lsu) a cui hanno aderito 33 lavoratori precari i quali, alla fine del corso, avranno un contratto a tempo indeterminato.

L’Azienda, pertanto, prosegue nell’azione avviata da quando è scattato il piano delle stabilizzazioni fortemente voluto dal presidente della Regione, Nello Musumeci, e dall’assessore alla Salute, Ruggero Razza. L’enorme sacca di precariato che si è generata nel tempo all’Asp di Palermo rappresenta uno dei capitoli più controversi della sanità siciliana. Una vicenda a cui si è posto rimedio grazie allo spirito di collaborazione mostrato da tutte le componenti Istituzionali coinvolte. L’Asp ha, inoltre, adottato la delibera per bandire un concorso pubblico per 30 posti di collaboratore amministrativo (Catg. D).

Quest’ultima selezione – ha sottolineato il direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni – darà la possibilità anche ai precari in possesso dei titoli necessari di partecipare al concorso che diventa occasione per riconoscere competenze e qualificazione agli stessi e, ove già contrattualizzati, lasciare posti liberi per eventuale ulteriore scorrimento di graduatoria“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.