Regione Siciliana: Moody's sottolinea la stabilità finanziaria :ilSicilia.it

l'annuncio

Regione Siciliana: Moody’s sottolinea la stabilità finanziaria

di
27 Ottobre 2020

L’Agenzia Moody’s, nonostante la drammatica crisi economica in atto, conferma alla Sicilia il rating “Ba1 stable”, che sottolinea la stabilità economico-finanziaria della Regione in un contesto particolarmente difficile.

Il report degli analisti dell’Agenzia evidenzia la rilevante riduzione del debito sceso al di sotto dei 7 miliardi, accompagnato da una drastica riduzione del costo del debito. Moody’s ha anche evidenziato un progressivo incremento della liquidità nel biennio ad oggi ben oltre il miliardo di euro.

Da sottolineare il fatto che gli effetti della pandemia in corso avranno un impatto modesto sulle previsioni di budget della Sicilia per il periodo 2020/2021, ad ulteriore dimostrazione del giudizio di solidità finanziaria che l’Agenzia esprime nella relazione.

Di rilievo, altresì, le considerazioni sul miglioramento della gestione amministrativa della Regione attraverso quelle che vengono definite come “politiche di bilancio credibili e di risanamento”, garantendo trasparenza e dettaglio nelle informazioni attraverso gli “open data”.

Viene infine sottolineata la rilevanza dell’autonomia finanziaria regionale scaturente dallo Statuto speciale, delle quali la Regione sta negoziando la piena attuazione con lo Stato conseguendo importanti riconoscimenti che si traducono in maggiori entrate per la Sicilia

Il rating di Moody’s e’ una conferma della fiducia degli analisti e dei mercati nei confronti del governo Musumeci per la decisa svolta nel risanamento economico-finanziario intrapreso e portato avanti in questi anni, ed in considerazione della situazione socio economica determinatasi a seguito delle modalità  di contrasto alla pandemia SARS – COVID19, il rapporto evidenzia tre fattori fondamentali quali una migliorata performance operativa anche nel settore sanitario, la riduzione del debito con una più rassicurante situazione di liquidità ed un miglioramento delle entrate statali dovute all’applicazione delle norme in forza allo Statuto speciale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin