Regione siciliana: un piano parcheggi da 90 milioni per Palermo, Catania e Messina :ilSicilia.it

L'annuncio di Musumeci

Regione siciliana: un piano parcheggi da 90 milioni per Palermo, Catania e Messina

di
12 Agosto 2019

Il governo regionale ha stanziato 90 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi scambiatori nelle tre città metropolitane siciliane. Di questi, 49 milioni, a cui se ne dovranno aggiungere altri 71 provenienti dai privati, andranno alla città di Palermo per la realizzazione dei parcheggi Don Bosco, viale Francia, De Gasperi e Boiardo (Notarbartolo).

Arriveranno 23 milioni di euro a Catania per l’area Sanzio, Narciso e Aci Castello. L’investimento su Messina sarà definito invece a settembre.

Strutture attese da decenni – ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci -, che ora avranno una realizzazione. Abbiamo preferito intervenire dove il problema della sosta dei veicoli è ormai insostenibile, consapevoli che i parcheggi anche futuri potrebbero non bastare. Immaginiamo un sistema di trasporti più snello. Intanto abbiamo definito il biglietto che possa soddisfare le aziende pubbliche che si occupano di trasporti. Nei prossimi mesi – ha aggiunto il governatore – metteremo a disposizione ulteriori 70-80 milioni di euro“.

L’impegno del Governo Musumeci – ha puntualizzato l’assessore Marco Falcone è che fra gennaio e febbraio 2020 possano partire i primi cantieri sia a Palermo che a Catania. Ai Comuni, con il prossimo decreto, daremo dei termini stringenti per bandire le gare d’appalto e dare inizio ai lavori. Vogliamo infatti che queste risorse abbiano ricadute infrastrutturali rapide ed efficaci nelle nostre città, migliorando cosi’ la mobilita’ nell’Isola. Sempre in tale direzione – ha ribadito l’assessore – vanno i nostri sforzi per aumentare il numero di gare settimanalmente elaborate dall’Urega“.

Musumeci e Falcone hanno infine anticipato il varo di un piano per introdurre in Sicilia il biglietto unico nei servizi pubblici di mobilità urbana ed extraurbana, anche coinvolgendo i vettori privati.

Se oggi Catania può vantare l’ottenimento di un contributo di fondamentale importanza per la realizzazione di 1450 posti auto complessivi – dice il sindaco di Catania Salvo Poglieselo dobbiamo all’azione dell’assessore regionale. Lo dico con sincerità, perché non era così immediato che questo obiettivo potesse essere raggiunto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.