Regione, stop ai ghiri nei Nebrodi, liberati i rapaci per il riequilibrio :ilSicilia.it

l'impegno dell'assessore Bandiera

Regione, stop ai ghiri nei Nebrodi, liberati i rapaci per il riequilibrio

di
14 Agosto 2019

Al fine di contribuire a contrastare il fenomeno di proliferazione del ghiro nei comuni dei Nebrodi interessati dalla coltivazione del nocciolo, così come da impegno assunto, a seguito della richiesta dei rappresentati del territorio, nel territorio di Ucria, verranno liberati dei rapaci, in particolare allocchi, recuperati e curati nel Centro regionale di recupero fauna selvatica di Ficuzza. L’eccessiva proliferazione del ghiro è stata dovuta infatti al venir meno del naturale equilibrio biologico, causato anche dalla diminuzione dei rapaci, che oggi, con un piccolo contributo, andiamo a reinserire“, afferma l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera, che aggiunge: “Vicini a produttori e residenti, continua il nostro impegno per la risoluzione di un’annosa questione a cui stiamo concretamente lavorando, fin dall’insediamento del Governo Musumeci. In linea con il Piano regionale redatto dall’Assessorato Agricoltura e che ha avuto il parere favorevole dall’Isprainfatti, e a seguito del monitoraggio disposto dalla Regione e curato dall’università degli Studi di Palermo – al fine di concorrere al ripristino dell’equilibrio biologico tra predatori e prede, é stata disposta la liberazione dei rapaci“.

Nella zona di liberazione dei rapaci, inoltre, verranno posizionate cassette nido al fine di facilitare, agli animali appena liberati, il ritrovamento dei luoghi idonei alla nidificazione e alla permanenza in quell’area.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.