23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.39

Le maggiori riduzioni nell'Ufficio legislativo

Regione, tagliati oltre duecento dirigenti. Musumeci: “È un freno a scelte irresponsabili”

17 Maggio 2019

La Regione Siciliana taglia 228 posti dirigenziali, la decisione al termine della seduta di Giunta che ha approvato la “rimodulazione degli assetti organizzativi dei dipartimenti regionali”.

Soddisfatto il presidente Nello Musumeci che parla di promesse mantenute: Diminuiscono le postazioni dirigenziali all’interno dell’Amministrazione regionale. Siamo andati oltre rispetto a quanto prevedeva la legge. Non una riduzione legata semplicemente alla percentuale del personale andato in pensione, ma un taglio che supera il quindici per cento delle strutture. E’ stato messo un freno a scelte irresponsabili compiute nel passato che hanno fatto la nostra Regione un esempio in negativo rispetto al numero dei dipendenti, assai spropositato in rapporto con i dipendenti”.

A essere cancellate saranno 228 postazioni sulle 1.439 attualmente presenti nei 27 dipartimenti. Il nuovo Piano è il frutto di un’intensa attività di coordinamento svolta negli ultimi mesi dal segretario generale della presidenza della Regione, Maria Mattarella, con tutti i dirigenti generali e di concertazioni con i sindacati da parte del dirigente generale della Funzione pubblica Rosalia Pipia.

Le maggiori riduzioni riguardano l’Ufficio legislativo e legale (che taglia il 37 per cento), i dipartimenti Energia (30 per cento), Acqua e rifiuti (27 per cento), Protezione civile e Programmazione (24 per cento), Funzione pubblica (22 per cento).

Nel nuovo “funzionigramma” della Regione verrà ricompresa anche l’Autorità di Bacino, incardinata alla presidenza della Regione. Una struttura attesa da quasi trent’anni e creata dal governo Musumeci per occuparsi della programmazione e gestione degli interventi sui corsi d’acqua e di tutto ciò che riguarda l’erosione del territorio.

Si è proceduto – aggiunge il numero uno di Palazzo d’Orleans – ad accorpare e trasferire le competenze e non ci saranno più quindi Unità operative vacanti. In questo modo tutta l’Amministrazione regionale potrà avere solo benefici, con un vantaggio soprattutto per gli utenti. Una buona notizia che arriva a distanza di qualche giorno dall’approvazione in Assemblea regionale siciliana del disegno di legge proposto dal mio governo sullo snellimento delle procedure amministrative: quello che cittadini e imprese ci chiedono”.

“Solo con una ‘macchina Regione’ efficiente possiamo affrontare le sfide del futuro e fare risalire la china alla nostra Isola”

La nuova organizzazione entrerà in vigore, dopo i passaggi di rito davanti al Consiglio di giustizia amministrativa e alla Corte dei conti, con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Regione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.