Regione, vertice sui Forestali: "Entro tre mesi la riforma" :ilSicilia.it

LA NOTA DEI SINDACATI

Regione, vertice sui Forestali: “Entro tre mesi la riforma”

di
21 Novembre 2019

Il 4 dicembre partirà il Comitato paritetico regionale di cui faranno parte Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e l’amministrazione regionale. Lo hanno comunicato oggi gli assessori al Territorio e Ambiente e all’Agricoltura, Toto Cordaro ed Edy Bandiera, nel corso dell’incontro pubblico   organizzato dai tre sindacati confederali di categoria e svoltosi oggi nell’Auditorium dell’assessorato al Territorio a Palermo a cui hanno partecipato molti sindaci e circa 200 fra dirigenti e lavoratori forestali.

“Il varo di questo organismo – affermano i segretari generali delle tre organizzazioni, Tonino Russo, Pierluigi Manca e Nino Marinoè un importante risultato. È stata finalmente attuata una norma contrattuale  prevista  dal CIRL. Riteniamo che questo organismo sia importante per trovare le giuste soluzione a varie problematiche contrattuali  nell’ottica di un contratto flessibile della forestazione in Sicilia” e per iniziare il confronto sul testo di riforma.

Al centro dell’incontro il tema della riforma della forestale. “È giunta l’ora, come recita il nostro slogan – continuano Russo, Manca e Marino – di dare vita a un rinnovamento del settore che punti alla valorizzazione del personale e che abbia al centro la tutela e la prevenzione della risorsa boschiva”.

sindacati forestali bandiera cordaroGli assessori Bandiera e Cordaro hanno condiviso la proposta sindacale di proseguire nel confronto con le parti sociali per arrivare a un testo che sia quanto più efficace.  E si sono assunti l’impegno di presentare entro tre mesi la riforma, dopo un percorso di concertazione.

“Il nostro obiettivo – proseguono Russo, Manca e Marino – è quello di arrivare ad ottenere 2 contingenti, trasformando tutti i centocinquantunisti in lavoratori a tempo indeterminato e di prevedere 151 giornate lavorative ai settantottisti e ai centunisti, obiettivo condiviso anche dai due assessori, qualificando e migliorando l’intervento bosco e allargando le competenze in ulteriori attività fuori dal bosco. Sappiamo bene che per farlo servono risorse che potranno essere recuperate dai futuri pensionamenti, anche inserendo quello forestale fra i lavori usuranti, come di fatto è”.

Dai due esponenti del governo Musumeci, c’è stata anche un’apertura sul ricambio generazionale della categoria. “Bandiera e Cordaro hanno concordato sul fatto che da qui a dieci anni non ci saranno più operai forestali, a meno di nuovi inserimenti e di un necessario e indispensabile trasferimento di competenze, fra vecchie e nuove leve“. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.