Regione: via libera al finanziamento per la piscina comunale di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Per la realizzazione della tribuna

Regione: via libera al finanziamento per la piscina comunale di Palermo

11 Ottobre 2019

Via libera dalla Regione Siciliana al finanziamento di 1,4 milioni di euro per la realizzazione della tribuna e dei servizi annessi della piscina comunale scoperta di Palermo.

I fondi, si legge in una nota, sono stati recuperati grazie alla ricognizione delle risorse da parte dell’assessorato regionale allo Sport e provengono da un vecchio finanziamento ministeriale del 2004, sulla base del progetto aggiornato dai tecnici del Comune e vistato dal Dipartimento regionale tecnico.

Siamo molto soddisfatti e ringrazio gli uffici del dipartimento – dice l’assessore Manlio Messina perchè sono riusciti a sbloccare il finanziamento di un’opera fondamentale per la città, per i numerosi utenti e società che utilizzano l’impianto comunale. Si tratta – aggiunge il componente del governo Musumeci – di somme che erano sostanzialmente rimaste inutilizzate per anni e che grazie al lavoro e alla intuizione degli uffici, e alla collaborazione del Comune di Palermo che ha aggiornato il progetto, siamo riusciti a recuperare. Il cronoprogramma delle opere prevede la spesa già a partire dal 2020, quando dovrebbero iniziare i lavori dopo la gara pubblica“.

Esprime felicità per lo sblocco dei fondi anche la deputata nazionale di Fratelli d’Italia, Carolina Varchi: “Lo sblocco delle somme per realizzare le opere nella piscina comunale scoperta di Palermo scoperta è una buona notizia che certamente sarà accolta con grande soddisfazione non soltanto dalle diverse società sportive che utilizzano l’impianto, ma anche dai tanti cittadini che frequentano la struttura. Desidero manifestare l’apprezzamento all’assessore regionale allo Sport Manlio Messina per la sensibilità e all’attenzione dimostrate nei confronti della città di Palermo“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona