14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32
Palermo

la denuncia di confesercenti

Regolamento dehors a Palermo: “Gestori nel caos, impossibile lavorare così”

14 Giugno 2019

“Dai gazebo all’adeguamento con i dehors, poi l’attesa infinita del nuovo regolamento e, infine, una situazione di stasi che si è trasformata in emergenza. Il risultato è l’attuale condizione di caos in cui si ritrovano gli esercenti”. A dichiararlo, dopo gli ultimi controlli con multe e sequestri nei locali di Palermo, è il responsabile dell’Area produzione di Confesercenti Sicilia e vice presidente provinciale, Nunzio Reina.

“E’ necessario, oggi più che mai, accelerare il passo – aggiunge – perché i gestori vogliono lavorare rispettando le regole, ma queste devono essere chiare e definitive. Una città turistica come Palermo, specie con l’estate alle porte, non può permettersi rallentamenti del genere e considerando che decine di pratiche sono ancora ferme, è chiaro che fare impresa diventa impossibile”.

“A questo punto – prosegue Reina sarebbe più semplice copiare il regolamento dehors di città in cui il meccanismo funziona”.

“La situazione è paradossale – precisa Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo – perché i gestori dei locali devono far riferimento ad un regolamento che deve essere ancora modificato e continuano ad esserne penalizzati. Tra i punti più critici, quello della fascia oraria in cui si prevede la collocazione delle strutture, che dovrebbero essere ripetutamente montate e smontate. Chiediamo il nuovo regolamento in tempi brevi, perché chi fa impresa in questa città non deve essere danneggiato, ma incoraggiato”.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.