Regolamento di conti con spari a Noto: sei arresti | VIDEO :ilSicilia.it
Siracusa

nel quartiere "Caminanti"

Regolamento di conti con spari a Noto: sei arresti | VIDEO

di
11 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I carabinieri a Noto hanno fermato sei persone appartenenti a due famiglie della comunità dei “Caminanti” netina, accusati di tentato omicidio pluriaggravato, ricettazione e porto abusivo di armi da fuoco in concorso.

Le due famiglie, secondo i militari dell’arma, si sarebbero affrontate per un regolamento di conti. Le indagini sono scattate il 29 settembre scorso in seguito al ferimento in via Rosselli di Giuseppe Corrado Fiaschè, 53 anni.

Fermati Giuseppe Corrado Fiaschè, 53 anni, ferito nella sparatoria; la moglie Concetta Rasizzi, 51 anni; il figlio Francesco, di 28 anni; e poi Paolo Scafiri, 57 anni; il figlio Umberto di 36 anni; ed il genero Paolo Scafidi di 33.

Nel corso dell’esecuzione dei fermi, i carabinieri hanno trovato 3 fucili cal.12 comprensivi di oltre 200 cartucce legalmente detenuti e ritirati in via cautelativa, 4 pistole con 230 cartucce sequestrate che verranno inviate al Ris di Messina per essere sottoposte agli accertamenti tecnici.

GLI ARRESTATI

IL SINDACO

La fiducia nelle Forze dell’Ordine che operano nel nostro territorio non deve mai mancare. Così come la convinzione che la giustizia riesca sempre a fare il proprio corso. Oggi si è venuti a capo, in tempi record, di una vicenda delicata e importante e non possiamo che esserne felici. Un’ottima notizia: i complimenti a chi ha condotto le indagini e posto in essere la cattura dei soggetti coinvolti nella sparatoria di alcuni giorni fa nel quartiere dei “caminanti”. Felice coincidenza la presenza nel territorio del Generale Rosario Castello, comandante della Legione Carabinieri Sicilia, in visita alle autorità civili e militari siracusane e alla nostra Compagnia”, dichiara il sindaco di Noto Corrado Bonfanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin