Rendiconto 2017, bagarre in consiglio a Palermo: chiesta la restituzione dell'atto :ilSicilia.it
Palermo

Presente anche il collegio dei revisori

Rendiconto 2017, bagarre in consiglio a Palermo: chiesta la restituzione dell’atto

di
17 Ottobre 2018

Una seduta infervorata a Palazzo delle Aquile dove si continua a discutere dell’approvazione del rendiconto 2017. Ancora una volta presente il collegio dei revisori dei Conti messi sotto pressione dai consiglieri comunali delle opposizioni che continuano a chiedere chiarimenti sul documento. A tratti diventa difficile mantenere l’ordine in Aula, soprattutto durante gli interventi dei revisori chiamati a rispondere sui conti del comune di Palermo di cui loro stessi hanno espresso parere negativo.

Oggi non abbiamo più dubbi, il parere negativo al rendiconto 2017 del Collegio dei Revisori impone la restituzione dell’atto indietro ” afferma il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli, leader de I Coraggiosi.

Come da procedura – aggiunge – bisogna integrare questo atto deliberativo con le controdeduzioni del Ragioniere generale o con la proposizione di un nuovo atto deliberativo che superi le criticità esposte dalla relazione e che superi i disallineamenti”.

Ho chiesto in Aula al presidente del Consiglio Comunale – conclude Ferrandelli – di convocare il commissario inviato dalla regione, insieme ai capigruppo, al ragioniere e al segretario generale, per concordare il percorso proposto“.

Prima di mettere in votazione il bilancio consuntivo necessita un incontro tra il collegio sindacale di Amat con il collegio dei revisori contabili del comune, per chiarire la vicenda dei conti non allineati, che possono incidere negativamente sul bilancio previsionale. Per risolvere la vicenda delle partecipate occorre rimodulare i contratti di servizio solo così le aziende possono ripartire e poter assicurare quei servizi essenziali che in questo momento sono invisibili” dice Giulio Tantillo capogruppo di Forza Italia.

Dopo due giorni abbiamo finalmente ricevuto le informazioni richieste al Collegio dei Revisori. Gli stessi hanno reso un parere negativo sul rendiconto. Adesso è necessario un supplemento di analisi sull’atto e valutare una sua restituzione all’Amministrazione per intervenire sui punti critici e di dubbia regolarità – afferma il capogruppo del M5s Palermo, Ugo Forello che aggiunge – Per questo motivo abbiamo chiesto e ottenuto una riunione urgente della capigruppo per affrontare la situazione di crisi con il segretario generale e il ragioniere. Un giudizio politico però si può già esprimere: ci troviamo in una situazione impiastricciata e caotica che ha un solo responsabile, il Sindaco con la sua gestione “allegra” degli ultimi sei anni”.

LEGGI ANCHE:

Rendiconto del Comune di Palermo, parla l’esperto: “Questo atto non può essere votato”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin