Rendite catastali troppo alte a Taormina? Il Comune vuole una verifica :ilSicilia.it
Messina

un boomerang che si ripercuote sui tributi

Rendite catastali troppo alte a Taormina? Il Comune vuole una verifica

di
13 Giugno 2020

A Taormina si conferma la difficoltà del Comune nella riscossione dei tributi, il 2020 e il dopo-Covid è destinato ad acuire in termini probabilmente esponenziali il problema per gli effetti dell’emergenza Coronavirus, ma è proprio la casa municipale a mettere sul tavolo della discussione una questione sulla quale spunta anche l’ipotesi di avvio di una verifica presso l’Agenzia delle Entrate. Spunta, infatti, il boomerang delle rendite catastali, che soprattutto in tempi di crisi rischiano di diventare un’emergenza nell’emergenza per la città, sia per gli operatori economici ma anche per i semplici cittadini. Si parla cioè di un valore fiscale che viene utilizzato per determinare il valore di un immobile ai fini dell’imposizione diretta e dell’imposta municipale propria, e di conseguenza l’Amministrazione ritiene che le alte valutazioni attribuite ai vari immobili presenti in città rappresenterebbe il fattore poi scatenante che porta ad una maggiore imposizione dei tributi e alla relativa sussistenza di tanti casi in cui il Comune non riesce a riscuotere. La casa municipale su un gettito complessivo di 30 milioni di tributi, è arrivata in questi anni a riscuotere circa 18 milioni, mentre altri 12 milioni “sono rimasti nelle tasche dei contribuenti”. Eloquente si è rivelato il caso dell’Imu, dove le ipotesi complessive di attesa sul gettito sono pari a 14 milioni di euro ma il Comune, in sede di dibattito consiliare sull’avvenuto slittamento dei termini di pagamento della prima rata (ci sarà tempo sino al 30 settembre per chi è in difficoltà) ha reso noto di non riuscire sin qui ad andare oltre una reale riscossione di 7 milioni 294 mila euro.

“Indubbiamente – spiega l’assessore al Bilancio, Alfredo Ferraro – a Taormina siamo in presenza un’alta incidenza dei tributi, c’è il problema della mancata riscossione e i numeri parlano chiaro in tal senso ma a mio avviso Taormina sta scontando anche un altro fattore. C’è un difetto che non è nell’aliquota Imu del 10,60, bensì nell’attribuzione delle rendite catastali che l’agenzia tecnica messinese ci attribuisce. Taormina è un comune turistico, è la località di riferimento anzi del turismo nell’isola e ha un reddito medio pro capite molto alto e quindi si alzano i valori delle rendite catastali”. “Gli uffici preposti non tornano mai indietro – continua Ferraro – ma una verifica io la farei per capire la situazione. E’ importante abbassare le rendite catastali. Lo Stato, in termini progressivi, ha diminuito drasticamente tutti i trasferimenti erariali, c’è stato un decentramento in favore dei comuni per l’imposizione propria, e oggi Taormina prende ormai briciole dallo Stato. Siamo fregati due volte: non ci danno trasferimenti corretti e invece considerano che la città abbia delle entrate elevate e ritiene che il Comune debba provvedere da solo al proprio sostentamento”.

“Occorre elaborare strumenti – ha aggiunto Ferraro – che possano portare verso una maggiore rateizzazione verso i contribuenti e così porre una soluzione a tutti i contenziosi che esistono. Bisogna cercare di venire incontro al cittadino per recuperare le somme al minore danno per i contribuenti e nell’interesse dell’ente pubblico. Lo stiamo già facendo e faremo dei regolamenti che arriveranno, quanto prima, in Consiglio comunale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin