Renzi arriva in Sicilia, ma rischia di trovare solo Faraone :ilSicilia.it

la riflessione

Renzi arriva in Sicilia, ma rischia di trovare solo Faraone

di
23 Settembre 2021

Luca Sammartino, Valeria Sudano, Giovanni Cafeo e adesso Francesco Scoma, con rumors insistenti che danno pure l’ ‘oriundo siciliafuturista’ Edy Tamajo con le valigie pronte. L’emorragia che in Italia Viva si sta registrando in queste settimane in terra di Sicilia è di quelle da salasso elettorale.

Con le elezioni amministrative di Palermo alle porte, quelle per l’elezione del Presidente della Regione a seguire e le Politiche a un tiro di schippo, il partito fondato da Matteo Renzi sembra un treno dal quale tutti vogliono scendere. Forse a causa dei sondaggi che danno la formazione politica sotto la quota di sbarramento e con percentuali asfittiche.

Non proprio un messaggio di benvenuto dall’Isola, dunque, dove Renzi approderà nel finesettimana per presentare il suo libro ‘Controcorrente’. Solo che il vento sembra allontanare i ras di voti isolani dalle sponde renziane, tanto che Davide Faraone, plenipotenziario di Italia Viva in Sicilia, ha un bel da fare nel cercare di tenere alto il morale delle truppe a colpi di note stampa.

C’e’ chi pensa che un partito debba snaturare i suoi ideali, la sua coerenza, la sua identità per non perdere la sua poltrona e quando verifica che non accade se ne va. Chi sceglie ora di andare via, poi, sbaglia i suoi conti e rischia di perdere oltre che la faccia anche la poltrona”. Queste le parole del presidente dei senatori di Italia Viva. “Noi – aggiunge – abbiamo un altro modo di fare politica, dalla prima Leopolda, sempre coerenti. Si vince e si perde ma i valori valgono più di tutto. Per uno che va via in nome di una poltrona tanti ne arriveranno in nome di un’idea“.

La coerenza, insomma, come struttura portante di un partito che però, ricordiamo è nato in Parlamento senza confrontarsi alle elezioni Politiche e quindi ‘intruppando’ persone che, per lo stesso fatto, di idee ne avevano di diverse alle spalle: eletti con altre formazioni politiche che in corso d’opera avevano deciso di trasferirsi armi e bagagli alla corte renziana. Chi la fa l’aspetti, verrebbe da dire… E come non citare in questo contesto l’altalenante orientamento politico dei renziani a Palermo, prima con Orlando e poi contro? Beh… chi ci capisce è bravo.

Per ultima, ma non meno importante, la questione relativa al referendum per l’abolizione del reddito di cittadinanza promosso da Matteo Renzi. Una mossa ardita che in Sicilia – dove il beneficio approvato dal governo Conte I va nelle tasche di tanti nuclei familiari – che, dopo gli eletti, potrebbe far scappare da Italia Viva anche tanti elettori.

Che Faraone rischi di rimanere l’unico ad attendere Renzi quando varcherà lo Stretto?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin