15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

CapitaleMessina

Renzi: che peccato! La parabola di un promettente leader liberaldemocratico

27 Giugno 2017

Non c’ė dubbio che Renzi nella tornata elettorale delle recenti amministrative abbia preso una sonora batosta, ed è la seconda dopo quella, epocale, del referendum del 4 dicembre. Ma come si usa dire: non c’è due senza tre, ed il tre rischia di essere l’occasione delle prossime elezioni politiche. Renzi ė quindi un leader politico finito? Questo non lo so, ma sicuramente frenato.

Che peccato! In tanti avevamo scommesso su questo astro nascente della politica italiana. Le sue parole d’ordine: “rottamazione” dei riti stantii della politica, modernizzazione del paese, snellimento della mostruosa macchina burocratica, valorizzazione dei “talenti” senza trascurare i “perdenti”, avevano suscitato speranze diffuse e trasversali.

L’approccio pragmatico ai problemi economici del paese, ma anche l’attenzione al tema dei diritti civili (coppie omosessuali, ius soli, testamento biologico); le norme di semplificazione dell’accesso e dell’uscita dal mondo del lavoro (jobs act), e la sensibilità verso il tema delle disabilità; l’idea degli Stati uniti d’Europa, ma pure la difesa della dignità del ruolo dell’Italia a Bruxelles.

Queste erano le coordinate del progetto “Renzi”, una piattaforma ideologico-programmatica finalmente liberaldemocratica. Insomma  Macron qualche anno prima di Macron!

Ma cosa è successo al nostro Macron? Si è invischiato, impaludato nelle liturgie della politica italiana. Non è stato il referendum a distruggere il progetto “Renzi”, era esausto già da tempo. Aveva perso freschezza ed appeal, e questo perché Renzi non ha avuto il coraggio di osare fino in fondo per innovare la politica ed il Paese, come invece ha fatto Macron in Francia.

Anziché farsi un partito tutto suo come l ’“En Marche” transalpino, liberandosi dalle zavorre ideologiche degli ex comunisti e dalle incrostazioni correntizie, ha preferito scalare il PD per utilizzarlo come strumento più diretto per arrivare al vertice del potere, ma piuttosto che trasformare il partito, facendo leve sulle migliori energie ed aprendolo ad iscritti e simpatizzanti, ha scelto, spesso, di allearsi con i cacicchi locali ed i signori delle tessere e di circondarsi di “yes-men”. E sono scelte che si pagano.

Ma se la parabola di Renzi, come promettente leader liberaldemocratico, è in fase discendente, non ci si può rassegnare ad abbandonare ciò che il renzismo poteva essere e non è stato.

Partendo proprio da quella che rappresenta la sua più grande sconfitta, l’inizio del suo declino: il pacchetto di riforme, la costituzionale in primis, bocciato dal referendum, portava con sé principi di innovazione indispensabili per lo sviluppo del Paese, a prescindere o nonostante Renzi. Non ce lo possiamo permettere.

L’idea di modernizzare l’Italia, di renderla più ricca e competitiva, più civile e tollerante, più libera e aperta al futuro, non può morire per la sconfitta politica di chi, in verità, era riuscito a rappresentarla.

 

 

 

 

LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.