Renzi fa il pienone al Comune di Palermo: otto consiglieri passano a "Italia Viva" :ilSicilia.it
Palermo

diventa così la prima forza politica a palazzo delle Aquile

Renzi fa il pienone al Comune di Palermo: otto consiglieri passano a “Italia Viva”

di
11 Novembre 2019

Italia Viva, la nuova formazione politica di Matteo Renzi, arriva anche a Palermo: sono otto i consiglieri comunali che aderiscono al nuovo partito, che diventa così la prima forza politica presente in consiglio comunale e che “sosterrà con convinzione l’azione dell’amministrazione guidata dal sindaco Leoluca Orlando“, afferma una nota.

Ad aderire anche tre presidenti di circoscrizione. Il gruppo di Italia Viva a Sala delle Lapidi sarà composto da quattro consiglieri comunali, Francesco Bertolino, Dario Chinnici, Carlo Di Pisa e Sandro Terrani, mentre il gruppo di Sicilia Futura si rinominerà “Sicilia Futura per Italia Viva” e sarà formato da Gianluca Inzerillo, Caterina Meli, Giuseppina Russa e Ottavio Zacco.

Aderiscono al progetto di Matteo Renzi anche il presidente della Terza Circoscrizione, Antonino Santangelo, il presidente della Quarta Circoscrizione, Silvio Moncada, e il presidente della Settima Circoscrizione, Giuseppe Fiore.

Nei prossimi giorni verranno formalizzate tra i consiglieri di circoscrizione, i sindaci, gli amministratori, numerose nuove adesioni, non solo in città, ma anche nei comuni della provincia.

Italia Viva – prosegue la nota – si dimostra la vera novità del panorama politico nazionale. Un progetto innovativo e capace di attrarre donne e uomini che hanno voglia di buona politica e rifiutano le false ricette dei populisti. Sempre più amministratori locali stanno aderendo a un soggetto che riparte dai territori e dai quartieri per recuperare il contatto diretto con i cittadini e farli tornare protagonisti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.