17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.10

La verifica

Renzi vola da Obama e lascia solo Fabrizio Micari. Nel Pd si avvicina la resa dei conti

2 Novembre 2017

Sarà sicuramente una figura gentile, ma Fabrizio Micari, alla vigilia del voto di domenica prossima, parafrasando la storica frase della radiocronaca di Mario Ferretti su Fausto Coppi è un uomo solo. E non al comando.

Dopo la visita-lampo a Catania di Renzi, l’ex premier e segretario del Pd è volato a Chicago da Obama, mentre da Lotti a Delrio, non sono mancati i malesseri di giornata che hanno fatto slittare le ultime discese in Sicilia a sostegno del candidato del centrosinistra.

Il redde rationem tra i DEM, con Faraone chiamato a rendere conto, comincerà presto lunedì prossimo, dopo che i risultati metteranno in fila torti e ragioni, colpevoli e vittime, carnefici e mandanti. La scommessa  non solo siciliana, di cui la Sinistra di Claudio Fava è un importante strumento, di mettere in crisi la leadership di Renzi, è pienamente in campo.

Serviranno fino a un certo punto le narrazioni minimizzate che l’area renziana, determinante e responsabile in Sicilia di tutte le scelte più importanti, proverà ad abbozzare.

ll Pd nel 2012 arrivò al 13,4 per cento, a cui si aggiunse il 6,2 circa della lista personale del candidato presidente. Una spinta significativa venne dai centristi dell’Udc che ottennero quasi l’11 per cento. In totale il centrosinistra andò al governo della Regione con il 30,47 per cento. Di questo quasi il 20 era da attribuire al Pd più la lista Crocetta. Micari, il candidato del centrosinistra è sostenuto, oltre che dal Pd, dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Lo appoggiano i centristi di  D’Alia e Alfano che danzano pericolosamente sulla soglia di rappresentanza del 5%.

Se la somma delle varie sigle fosse inferiore al 20 per cento, rispetto al 30,5 del 2012, una profonda aria di disfatta potrebbe incombere sul centrosinistra siciliano.

L’ottimismo renziano insomma, comodo e di facciata in questo momento, necessita di un tracollo da evitare se si vuole ottenere che a Roma, in via del Nazareno, nulla cambi. Altrimenti potrebbero crearsi le condizioni di una valanga poco gentile negli assetti generali.

Questo il parallelo romano. E in Sicilia? Una profezia facile da fare riguarda Leoluca Orlando. Dopo avere preteso la nomination del rettore palermitano, il disimpegno visibile e percepito di Crocetta e non avere fatto alcuna lista con i sindaci e i territori, il sindaco di Palermo attaccherà per primo, provando a togliere il tempo a tutti. Al Pd siciliano in primis, affaccendato a incassare i colpi.

Crocetta fino a questo momento ha contato fino a un milione, mordendosi la lingua e aspetta da Renzi un feedback diretto che lo riguarda nel suo coinvolgimento di ruoli e visibilità. Ma da domani anche per lui l’obiettivo di restare della partita  non sarà semplicissimo da raggiungere.

 

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.