Renzo Piano sceglie Palermo, quattro borse di studio al dipartimento di architettura :ilSicilia.it
Palermo

NELL'OTTICA DEL PROGETTO DI "RAMMENDO DELLE PERIFERIE"

Renzo Piano sceglie Palermo, quattro borse di studio al dipartimento di architettura

di
11 Febbraio 2020

Renzo Piano ha deciso di proseguire a Palermo la sua azione dedicata al “rammendo delle periferie“, mettendo a disposizione del Dipartimento di Architettura di UniPa quattro borse di studio per dieci mesi.

Il celebre architetto, vincitore del Pritzker Architecture Prize nel 1998 e senatore a vita della Repubblica italiana dal 2013, ha scelto di investire sull’ateneo del capoluogo siciliano.

Il responsabile scientifico, scelto da Piano, è il prof. Andrea Sciascia, che guiderà il team conposto da Antonino Alessio, Flavia Oliveri, Veronica Angela Valenti, Marina Viola in una esperienza entusiasmante che sino ad ora ha interessato le periferie di Catania, Milano, Roma, Torino e Venezia.

da sx R. Piano e A. Sciascia(1)

La scelta di Renzo Piano mi rende felice, poiché onora l’intero Ateneo e particolarmente il Dipartimento di Architetturacommenta il prof. Andrea SciasciaSono sicuro che la squadra di Palermo si dimostrerà all’altezza delle aspettative dell’illustre Collega e si spenderà senza risparmio alcuno per la buona riuscita di questo importante progetto. Per noi tutti rimarrà un’esperienza memorabile“.

E’ un grande onore per il nostro Ateneo ricevere questo riconoscimento da parte di Renzo Piano – sottolinea il Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio MicariOltre a contribuire al prestigio del nostro Ateneo rappresenta una splendida opportunità per i nostri studenti che potranno fare parte di un importantissimo progetto mettendo a frutto le profonde conoscenze apprese nel loro percorso universitario“.

Insieme a Palermo, nel 2020, il Senatore a vita ha scelto, come sedi universitarie e come luoghi in cui intervenire, Padova e Bologna.

I giovani lavoreranno nelle loro sedi ma incontreranno Piano ogni due mesi presso Palazzo Giustiniani – da qui la sigla G124 (Giustiniani, piano primo, interno 24) – o nello straordinario studio di Genova (Renzo Piano Building Workshop), in cui periodicamente si discuterà dell’avanzamento dei progetti.

Piano definisce questi interventi “gocce”, le quali, per quanto di dimensioni infinitesimali, potranno attivare un nuovo processo di recupero per le parti più degradate della città contemporanea ribaltando totalmente il punto di vista sulle periferie che, in questa positiva prospettiva, diventano luoghi significativi della città del futuro.

Completano il gruppo di lavoro dell’Università di Palermo, insieme al prof. Sciascia e ai quattro giovani architetti, i docenti Cinzia Ferrara (disegno industriale) e Francesco Sottile.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin