Reset, Caracausi e Massimo: "Servono soluzioni utili per i lavoratori" :ilSicilia.it
Palermo

Le Dichiarazioni dei consiglieri del gruppo "Avanti Insieme"

Reset, Caracausi e Massimo: “Servono soluzioni utili per i lavoratori”

22 Maggio 2020

“È di poche ore fa la notizia che l’Amministratore Unico della Consortile Reset ha avviato le procedure di accesso alla cassa integrazione per ben 1059 lavoratori su un totale di 1360 dipendenti. La Terza Commissione ha sempre mostrato grande attenzione alle delicate questioni che nel corso del tempo hanno investito le Società Partecipate, svolgendo il ruolo di parte attiva attraverso l’interlocuzione di volta in volta instaurata con Assessori, Uffici, Vertici aziendali e Parti sociali”. Lo dichiarano, con rammarico e viva preoccupazione, i Consiglieri Paolo Caracausi e Massimo Giaconia del gruppo consiliare Avanti Insieme e, rispettivamente, Presidente e componente della Terza Commissione Consiliare che si occupa delle Società Partecipate del Comune.

“Durante l’ultima audizione dei Presidenti delle Aziende Partecipate (Amap, Amat, Rap e Reset), che risale a lunedì u.s. – spiega la nota -, l’ingegnere Perniciaro della Reset ha dato conferma di quanto già rappresentato nella prima relazione trimestrale 2020, ovvero di una contrazione dei ricavi da fatturato a causa di una riduzione del corrispettivo da contratto di servizio pari a ben 2 milioni di euro rispetto al 2109, nonché del blocco di varie attività di interventi straordinario per conto del Comune, sospesi per la mancanza della necessaria progettazione esecutiva, affermando altresì che in mancanza di un intervento dell’Amministrazione Comunale, sarebbe stato costretto ad attivare le procedure per attingere agli ammortizzatori sociali nei confronti di un numero considerevole di dipendenti, al fine di evitare di mettere a rischio l’equilibrio economico-finanziario della consortile. È fissato per mercoledì 27 maggio l’incontro, voluto dalla Terza Commissione con il Vicesindaco Fabio Giambrone e l’Assessore Sergio Marino, nel corso del quale verranno affrontate le vicenda Reset”.

“Si auspica fortemente che, dal prossimo confronto possano scaturire da parte dell’Amministrazione Attiva, soluzioni utili a bloccare le procedure per la cassa integrazione, viceversa gli effetti saranno devastanti, sia per i lavoratori che si vedranno ridurre ancor di più i salari da part-time sia per la cittadinanza, considerato che i servizi offerti, e sono parecchi, subiranno una drastica riduzione; fra tutti: la manutenzione del verde delle villette e dei giardini comunali, nonché degli spazi esterni delle scuole, la custodia, l’accoglienza, la pulizia uffici comunali ed altro ancora”.

Fanno eco alle parole di Caracausi e Giaconia, i loro compagni di gruppo Valentina Chinnici, Toni Sala e Claudia Rini che dichiarano:
“Siamo pronti a chiedere una riunione di maggioranza in presenza del Sindaco con all’ordine del giorno proprio le Società Partecipate, la cui configurazione oramai si svolge in uno scenario molto preoccupante, soprattutto per Reset, Rap e Amat. All’inizio di questa esperienza amministrativa il Sindaco ed il Consiglio Comunale hanno messo in atto operazioni importanti per salvare le Partecipate facendole risorgere dalle ceneri del fallimento (si ricordino Amia e Gesip ), ma se entro la fine di questi ultimi due anni di consiliatura, non si dovessero mettere in campo azioni finalizzate a mettere in sicurezza servizi e livelli occupazionale, tutti gli sforzi verranno dolorosamente vanificati”.

© Riproduzione Riservata
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.