Reset, mancano 3 milioni di euro. I sindacati: "Non rispettato l'accordo sottoscritto" :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati incontrano i vertici dell'azienda

Reset, mancano 3 milioni di euro. I sindacati: “Non rispettato l’accordo sottoscritto”

di
2 Ottobre 2017

Ritorna lo spettro dello sciopero dei lavoratori della Reset, la società nata dalle ceneri della Gesip, che si occupa di alcuni servizi del Comune di Palermo. Dal verde ai cimiteri, sono 950 i lavoratori che svolgono mansioni di giardiniere, addetto alle pulizie, custode, seppellitore, ma anche amministrativo.

In un incontro che si è svolto, oggi, tra i sindacati e i vertici della Reset, la stessa società consortile, in un documento sottoscritto da ambedue le parti, ha affermato che “rispetto alle previsioni di budget mancano 3 milioni di euro di contratti per interventi straordinari da firmare e altri 1,4 milioni relativi agli stanziamenti sul contratto di servizio con il Comune”.

Quindi la stessa Reset ha ammesso che, finora, nessun contratto sarebbe stato stipulato con l’Amministrazione Comunale e questo causerebbe, di conseguenza, uno squilibrio sui conti dell’azienda, con un’inevitabile perdita d’esercizio. Una bella “grana” per il Comune che, proprio in settimana, dovrebbe approvare il bilancio di previsione e che, adesso, dovrà individuare una soluzione, anche per evitare che i lavoratori proclamino lo stato di agitazione.

E proprio su questo versante, i vertici della Reset sarebbero orientati ad attuare delle azioni che portino al “contenimento delle spese”. Tra queste, la possibilità di concedere ai lavoratori, entro l’anno in corso, permessi, ferie, ore ed ex festività già maturati e non utilizzati. Ma, anche, bloccando lo straordinario e sospendendo l’applicazione del regime di 32 ore settimanali, previsto dall’accordo firmato a maggio di quest’anno.

“Sono fuori luogo e intempestive – hanno tuonato i sindacati – le considerazioni espresse dalla società, che rigettiamo totalmente, rispetto al budget previsto per quest’anno”. Un attacco a tutto tondo, in una vicenda che sembrava poter trovare un percorso condiviso. I sindacati hanno ancora ribadito che “restano validi gli accordi sottoscritti anche con l’Amministrazione Comunale nel 2104, che prevedevano l’incremento del contratto di servizio a 35 milioni per il 2017 e a 38 milioni per il 2018″.

Tutto, dunque, in alto mare con la posizione delle sigle sindacali del comparto, determinata a “riservarsi ogni ulteriore azione a tutela dei lavoratori” e quella della Reset che “prendendo atto della posizione sindacale, non potrà che procedere, unilateralmente, ad azioni essenziali per la salvaguardia del conto economico aziendale”. Non resta che aspettare e vedere se lo sciopero sarà davvero l’opzione da scegliere.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin