Reset, mancano 3 milioni di euro. I sindacati: "Non rispettato l'accordo sottoscritto" :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati incontrano i vertici dell'azienda

Reset, mancano 3 milioni di euro. I sindacati: “Non rispettato l’accordo sottoscritto”

di
2 Ottobre 2017

Ritorna lo spettro dello sciopero dei lavoratori della Reset, la società nata dalle ceneri della Gesip, che si occupa di alcuni servizi del Comune di Palermo. Dal verde ai cimiteri, sono 950 i lavoratori che svolgono mansioni di giardiniere, addetto alle pulizie, custode, seppellitore, ma anche amministrativo.

In un incontro che si è svolto, oggi, tra i sindacati e i vertici della Reset, la stessa società consortile, in un documento sottoscritto da ambedue le parti, ha affermato che “rispetto alle previsioni di budget mancano 3 milioni di euro di contratti per interventi straordinari da firmare e altri 1,4 milioni relativi agli stanziamenti sul contratto di servizio con il Comune”.

Quindi la stessa Reset ha ammesso che, finora, nessun contratto sarebbe stato stipulato con l’Amministrazione Comunale e questo causerebbe, di conseguenza, uno squilibrio sui conti dell’azienda, con un’inevitabile perdita d’esercizio. Una bella “grana” per il Comune che, proprio in settimana, dovrebbe approvare il bilancio di previsione e che, adesso, dovrà individuare una soluzione, anche per evitare che i lavoratori proclamino lo stato di agitazione.

E proprio su questo versante, i vertici della Reset sarebbero orientati ad attuare delle azioni che portino al “contenimento delle spese”. Tra queste, la possibilità di concedere ai lavoratori, entro l’anno in corso, permessi, ferie, ore ed ex festività già maturati e non utilizzati. Ma, anche, bloccando lo straordinario e sospendendo l’applicazione del regime di 32 ore settimanali, previsto dall’accordo firmato a maggio di quest’anno.

“Sono fuori luogo e intempestive – hanno tuonato i sindacati – le considerazioni espresse dalla società, che rigettiamo totalmente, rispetto al budget previsto per quest’anno”. Un attacco a tutto tondo, in una vicenda che sembrava poter trovare un percorso condiviso. I sindacati hanno ancora ribadito che “restano validi gli accordi sottoscritti anche con l’Amministrazione Comunale nel 2104, che prevedevano l’incremento del contratto di servizio a 35 milioni per il 2017 e a 38 milioni per il 2018″.

Tutto, dunque, in alto mare con la posizione delle sigle sindacali del comparto, determinata a “riservarsi ogni ulteriore azione a tutela dei lavoratori” e quella della Reset che “prendendo atto della posizione sindacale, non potrà che procedere, unilateralmente, ad azioni essenziali per la salvaguardia del conto economico aziendale”. Non resta che aspettare e vedere se lo sciopero sarà davvero l’opzione da scegliere.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.