Reset Palermo, si paventa la cassa integrazione. Amella (m5s): "Deprecabile condotta Comune" :ilSicilia.it
Palermo

LA DICHIARAZIONE

Reset Palermo, si paventa la cassa integrazione. Amella (m5s): “Deprecabile condotta Comune”

di
21 Ottobre 2020

Concetta Amella, consigliere comunale del M5S a Palermo, rivolge dure parole al sindaco Orlando, il quale avrebbe “illuso i lavoratori con false speranze e continui rinvii“, che però saranno presumibilmente “posti in cassintegrazione a partire da lunedì“.

Disattesi gli impegni assunti con l’accordo del 2014 e con quello del novembre 2017che prevedeva l’aumento dell’orario contrattuale a 36 ore settimanali di tutti i lavoratori  – continua la consigliera – , l’attivazione del buono pasto giornaliero e della welfare-card“.

Fallita la ricognizione di nuovi servizi da affidare alla consortile tanto sbandierata nel mese di maggio e che avrebbe scongiurato il ricorso alla procedura in questione. A preoccupare non è soltanto la mancanza di servizi essenziali – conclude Amella –, ma la pesante ricaduta sociale ed economica che si ripercuoterebbe sui dipendenti e sulle loro famiglie che vedrebbero drasticamente ridotte le loro entrate. Occorre sospendere la procedura immediatamente e trovare soluzioni alternative in Consiglio Comunale per scongiurare l’ennesima emergenza“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin