Reset Palermo, si paventa la cassa integrazione. Amella (m5s): "Deprecabile condotta Comune" :ilSicilia.it
Palermo

LA DICHIARAZIONE

Reset Palermo, si paventa la cassa integrazione. Amella (m5s): “Deprecabile condotta Comune”

di
21 Ottobre 2020

Concetta Amella, consigliere comunale del M5S a Palermo, rivolge dure parole al sindaco Orlando, il quale avrebbe “illuso i lavoratori con false speranze e continui rinvii“, che però saranno presumibilmente “posti in cassintegrazione a partire da lunedì“.

Disattesi gli impegni assunti con l’accordo del 2014 e con quello del novembre 2017che prevedeva l’aumento dell’orario contrattuale a 36 ore settimanali di tutti i lavoratori  – continua la consigliera – , l’attivazione del buono pasto giornaliero e della welfare-card“.

Fallita la ricognizione di nuovi servizi da affidare alla consortile tanto sbandierata nel mese di maggio e che avrebbe scongiurato il ricorso alla procedura in questione. A preoccupare non è soltanto la mancanza di servizi essenziali – conclude Amella –, ma la pesante ricaduta sociale ed economica che si ripercuoterebbe sui dipendenti e sulle loro famiglie che vedrebbero drasticamente ridotte le loro entrate. Occorre sospendere la procedura immediatamente e trovare soluzioni alternative in Consiglio Comunale per scongiurare l’ennesima emergenza“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin