RestART: a Palermo sconti nei locali che sostengono la manifestazione :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DI PATRIZIA DI DIO

RestART: a Palermo sconti nei locali che sostengono la manifestazione

di
4 Luglio 2020

E’ partito ieri RestART, il festival di ultima generazione, che apre in notturna alcuni tra i più importanti siti della città di Palermo.

Al progetto, voluto dagli Amici dei Musei Siciliani, che per tutti i week end di luglio e agosto aprirà alla città 25 siti dalle 19 alla mezzanotte, ha aderito con entusiasmo anche Fipe Confcommercio Palermo.

Una collaborazione reciproca che punta a valorizzare gli aspetti turistici, culturali e commerciali dell’iniziativa.

Come? 

Tutti coloro che mostreranno il tagliando di ingresso a uno dei siti culturali usufruiranno di uno sconto nei locali che sosterranno la manifestazione o, al contrario, ai clienti dei locali verrà offerto un coupon omaggio per accedere a uno dei siti di RestART.

Quindi guardate bene le vetrine e se c’è la locandina della manifestazione… quello è il locale che fa per voi.

Confcommercio Palermo

Riteniamo importante, stimolante e doveroso sostenere le iniziative virtuose che puntano alla valorizzazione dei siti più belli di Palermo.

Turismo, cultura e arte sono elementi essenziali di quella che ho definito spesso “economia della bellezza”. Restart, che nasce dopo una crisi epocale, è testimonianza di coraggio e di amore verso la città”. Spiega così il presidente Patrizia Di Dio.

Fipe Confcommercio Palermo

Dopo mesi difficili la città torna lentamente alla normalità e grazie a “RestART” può mostrare nuovamente la sua immagine più bella.

I flussi turistici sono ancora lontani da quelli del recente passato ma una manifestazione del genere permetterà anche ai palermitani di riscoprire e apprezzare le proprie bellezze artistiche e di rivivere serate piacevoli in un clima di condivisione tra arte e svago”, sottolinea il presidente Antonio Cottone.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.