Restaurata la "Vittoria Alata" di Antonio Ugo. L'opera torna fruibile | Le foto | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La scultura era stata rubata e spezzata in tre parti

Restaurata la “Vittoria Alata” di Antonio Ugo. L’opera torna fruibile | Le foto

di
1 Novembre 2018
La "Vittoria Alata" restaurata

Scorri in alto la fotogallery

Torna fruibile la “Vittoria Alata”, la celebre statua di Antonio Ugo. Il capolavoro in bronzo, realizzato nel 1922, è stato finalmente restaurato grazie al progetto di Mauro Sebastianelli.

La scultura, che vi mostriamo nelle foto in alto, è adesso esposta in una sala di Palazzo Ajutamicristo, a Palermo, protetta da un’imponente impalcatura di tubi cilindrici in ferro. Nella medesima sala si trova anche la “Pupa del Capo”, lo splendido mosaico (anche questo restaurato) che raffigura Demetra e che era incastonato nel palazzo Serenario, nel cuore del mercato palermitano del Capo.

La “Vittoria alata” era stata rubata nel febbraio del 2013 dal Palazzo delle Finanze in corso Vittorio Emanuele ed era stata tagliata in tre parti, probabilmente perché gli autori del furto volevano fonderla. La polizia l’aveva ritrovata alcuni mesi dopo in un magazzino ed era scattata una gara di solidarietà per il suo restauro.

Nel maggio 2014, la Settimana delle culture, l’associazione “Amici dei musei siciliani” e “Insieme per Palermo” avevano promosso un’asta di fotografie del maestro Franco Sersale, raccogliendo oltre 4 mila euro per il restauro della statua. Le foto, esposte all’Oratorio di San Lorenzo, facevano parte della mostra “Immagini di lontananze” che si era tenuta a Palazzo Ziino.

Le tre parti dell’opera, dopo il ritrovamento, sono state trasportate a palazzo Ajutamicristo, dove è partita l’opera di recupero “a cantiere aperto”. Il progetto di restauro era stato presentato nel maggio del 2018 alla presenza di Lina Gabriella Bellanca (soprintendente per i Beni culturali di Palermo), Gaetano Bongiovanni (Storico dell’Arte della Soprintendenza di Palermo), Gabriella Renier Filippone (Settimana delle culture), Bernardo Tortorici di Raffadali (Presidente degli Amici dei Musei Siciliani) e dello stesso Mauro Sebastianelli, incaricato del restauro.

Adesso, a restauro ultimato si attende di sapere se la scultura bronzea resterà esposta dove si trova attualmente o se verranno individuate nuove sedi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.