Restaurata la "Vittoria Alata" di Antonio Ugo. L'opera torna fruibile | Le foto | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La scultura era stata rubata e spezzata in tre parti

Restaurata la “Vittoria Alata” di Antonio Ugo. L’opera torna fruibile | Le foto

di
1 Novembre 2018
La "Vittoria Alata" restaurata

Scorri in alto la fotogallery

Torna fruibile la “Vittoria Alata”, la celebre statua di Antonio Ugo. Il capolavoro in bronzo, realizzato nel 1922, è stato finalmente restaurato grazie al progetto di Mauro Sebastianelli.

La scultura, che vi mostriamo nelle foto in alto, è adesso esposta in una sala di Palazzo Ajutamicristo, a Palermo, protetta da un’imponente impalcatura di tubi cilindrici in ferro. Nella medesima sala si trova anche la “Pupa del Capo”, lo splendido mosaico (anche questo restaurato) che raffigura Demetra e che era incastonato nel palazzo Serenario, nel cuore del mercato palermitano del Capo.

La “Vittoria alata” era stata rubata nel febbraio del 2013 dal Palazzo delle Finanze in corso Vittorio Emanuele ed era stata tagliata in tre parti, probabilmente perché gli autori del furto volevano fonderla. La polizia l’aveva ritrovata alcuni mesi dopo in un magazzino ed era scattata una gara di solidarietà per il suo restauro.

Nel maggio 2014, la Settimana delle culture, l’associazione “Amici dei musei siciliani” e “Insieme per Palermo” avevano promosso un’asta di fotografie del maestro Franco Sersale, raccogliendo oltre 4 mila euro per il restauro della statua. Le foto, esposte all’Oratorio di San Lorenzo, facevano parte della mostra “Immagini di lontananze” che si era tenuta a Palazzo Ziino.

Le tre parti dell’opera, dopo il ritrovamento, sono state trasportate a palazzo Ajutamicristo, dove è partita l’opera di recupero “a cantiere aperto”. Il progetto di restauro era stato presentato nel maggio del 2018 alla presenza di Lina Gabriella Bellanca (soprintendente per i Beni culturali di Palermo), Gaetano Bongiovanni (Storico dell’Arte della Soprintendenza di Palermo), Gabriella Renier Filippone (Settimana delle culture), Bernardo Tortorici di Raffadali (Presidente degli Amici dei Musei Siciliani) e dello stesso Mauro Sebastianelli, incaricato del restauro.

Adesso, a restauro ultimato si attende di sapere se la scultura bronzea resterà esposta dove si trova attualmente o se verranno individuate nuove sedi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin