Restyling del PalaCatania, Pogliese: "Sono orgoglioso, lo sport è inclusione" | CLICCA PER VIDEO E FOTO :ilSicilia.it
Catania

il finanziamento del Pon Metro

Restyling del PalaCatania, Pogliese: “Sono orgoglioso, lo sport è inclusione” | CLICCA PER VIDEO E FOTO

di
9 Ottobre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Con il contributo dell’Unione Europea l’amministrazione comunale etnea ha raggiunto un importante obiettivo: la ristrutturazione del Palacatania, perché lo sport è inclusione sociale, soprattutto in un territorio come quello di Catania che si qualifica come Città dello sport. Ne ha dato notizia il sindaco Salvo Pogliese.

Il restyling del PalaCatania rappresenta un colpo d’occhio straordinario, un impianto sportivo ritornato fiore all’occhiello di Catania e della Sicilia, appena undici mesi dopo l’alluvione che lo aveva messo definitivamente fuori gioco per le copiose infiltrazioni di acqua piovana e i conseguenti danni aggiuntivi al degrado degli anni precedenti. Il PalaCatania è ritornato a essere la casa dello sport catanese, dopo il progetto e l’esecuzione dei lavori di rigenerazione disposti dal sindaco Salvo Pogliese e dall’assessore allo sport Sergio Parisi. Tempi celeri, efficienza e buona prassi, grazie al finanziamento del PON METRO, e al coordinamento della Direzione Politiche Comunitarie, che lavora su molteplici fronti e gestirà linee di finanziamento che cambieranno il volto di questa Città Metropolitana.

Lavori  necessari per fermare il degrado di una struttura realizzata nel 1989, di fatto inaugurata per le Universiadi del 1997 e che da allora aveva avuto pochissimi interventi di manutenzione, peraltro solo ordinaria.

“Il Palacatania ristrutturato deve rappresentare, innanzitutto per noi, un esempio. Undici mesi per completare tutto l’iter, dall’approvazione in Giunta del progetto all’inaugurazione; il parquet interamente rifatto, l’illuminazione a led a risparmio energetico e un impianto elettrico nuovo, il rifacimento totale del tetto, i nuovi arredi”, ha commentato il primo cittadino di Catania.

“Un momento di fondamentale importanza per la città di Catania -ha detto il sindaco Salvo Pogliese-ricevendo in consegna l’impianto dalla ditta esecutrice dei lavori di un appalto aggiudicato con gara a evidenza pubblica-. Finalmente le nostre società sportive hanno la loro casa in cui potersi esprimere al meglio. In questo impianto, oltre allo sport agonistico e di base -ha aggiunto il sindaco- finita definitivamente emergenza Covid, si svolgeranno anche importanti concerti musicali, grazie alla nostra decisione di abbassare le tariffe per l’utilizzo dell’impianto delle imprese di venti artistici, tanto che per il 2022 si stanno programmando eventi di rilievo, come con accade da parecchi anni”.

“Anche questa riapertura del PalaCatania -ha continuato Pogliese – segna una tappa della rinascita dopo l’oblio di un dissesto che abbiamo ereditato e che qualcuno fa finta di dimenticare e una terribile pandemia che ha rivoluzionato la nostra convivenza. Ringrazio l’assessore Sergio Parisi e il direttore Fabio Finocchiaro, coi funzionari delle direzioni comunali Politiche Comunitarie e sport, per avere portato a compimento, in pochi mesi, un percorso virtuoso nell’utilizzo dei fondi comunitari per finalità collettive, che ha pochi precedenti in Italia. Basta vedere a come era ridotto da parecchi anni la struttura di Corso Indipendenza, una condizione di inaccettabile degrado a cui bisognava mettere la parola fine in tempi rapidissimi. Vederlo ora nuovamente così, provoca belle emozioni, le stesse delle Universiadi”.

E’ la splendida immagine di un impianto restituito agli sportivi, ai Catanesi, a una Municipalità che merita attenzione e che trarrà giovamento da un palazzetto che potrà ospitare eventi sportivi di grande livello, concerti e manifestazioni culturali capaci di aggregare giovani e meno giovani, in un contesto sociale difficile e stimolante allo stesso tempo.

“Sono orgoglioso, da sindaco, di questi risultati, e ringrazio l’assessore Sergio Parisi, il direttore Finocchiaro e tutto lo staff delle Politiche Comunitarie, delle Manutenzioni e dello Sport, per aver tracciato la strada e creato un modello al quale dovremo tutti allinearci, per il bene di Catania. Lo sport – conclude il sindaco etneo –  è vita, bellezza, salute e, soprattutto, inclusione. Bentornato, Palacatania!”

Già questa domenica pomeriggio alle 18, il PalaCatania ospiterà una partita di serie A3 di Pallavolo Saturnia-Galatina mentre la Meta
Catania vicecampione d’Italia, calcio a 5, martedì sera alle 20 giocherà in casa contro il San Giuseppe, incontro valevole per la seconda giornata di campionato di serie A.

“Il nuovo Palacatania -ha detto Sergio Parisi, nella doppia veste assessore allo sport e alle politiche comunitarie- è un modello di come
dovrebbero funzionare gli interventi di ristrutturazione degli impianti sportivi: tempi celeri, concertazione fra le Direzioni interessate e una Ditta che li esegue attenta e collaborativa. Restituiamo alla Città, e al Quartiere, un impianto che può diventare veicolo di inclusione sociale, come prevedono le linee guida del Pon Metro, oltre a rappresentare un riferimento per le società di vertice e il mondo dello sport in generale. Adesso -ha aggiunto Parisi- il modello Palacatania va esportato e lo stiamo già facendo, a tutti gli interventi che prevedono finanziamenti comunitari, per dare un segnale forte del legame fra lo sport e il benessere dei Catanesi e far capire come anche la Pubblica Amministrazione possa lavorare bene, velocemente, nell’interesse di tutti”.

Alla consegna del rinnovato PalaCatania, hanno partecipato anche il responsabile nazionale del Pon Metro Giorgio Martini anche il presidente regionale del Coni Sergio D’Antoni.

GUARDA LE FOTO IN BASSO

”Catania -ha detto il massimo rappresentante dello sport siciliano- ha stabilito un modello di efficienza che porterò a esempio come buona pratica amministrativa. Come il ponte Morandi per le infrastrutture, il PalaCatania deve diventare un riferimento di efficienza per l’impiantistica sportiva. Il Comune di Catania in appena undici mesi con una spesa limitata ed eccezionale rapidità amministrativa, ha recuperato dal degrado una struttura che correva il rischio di essere abbandonata. Invece viene adesso restituita completamente riqualificata, non solo al movimento sportivo catanese ma a tutta la Sicilia e l’Italia intera visto che può ospitare anche eventi di portata internazionale”.

Grande soddisfazione per l’eccezionale risultato conseguito è stata espressa anche dal responsabile nazionale dei fondi del Pon Metro
Giorgio Martini. “L’Amministrazione Comunale di Catania ha dato prova di efficienza investendo i fondi rapidamente con risultati eccellenti, a beneficio dei cittadini di una e bella realtà metropolitana qual è Catania”.

All’appuntamento con la riconsegna alla città del PalaCatania hanno partecipato anche gli assessori comunali Enrico Trantino, Pippo
Arcidiacono, Barbara Mirabella e Michele Cristaldi, il presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione, il presidente della commissione consiliare Sport Giovanni Grasso, i consiglieri Daniele Bottino, Santo Russo e Luca Sangiorgio, il presidente del V Municipio Angelo Patanè con altri consiglieri circoscrizionali, il capo di gabinetto del sindaco Giuseppe Ferraro, numerose espressioni del mondo sportivo cittadino, tra cui il delegato provinciale del Coni Enzo Falzone.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.