Revocata la scorta al Capitano Ultimo. Lo sfogo su Twitter: "La mafia non c'è più" :ilSicilia.it

l'ufficiale dei carabinieri non ci sta e polemizza

Revocata la scorta al Capitano Ultimo. Lo sfogo su Twitter: “La mafia non c’è più”

9 Ottobre 2019

Con un tweet il Capitano Ultimo ha annunciato l’avvio delle procedure per togliergli la scorta da parte del governo. “Nessun pericolo, la mafia non c’è più, è stato un gioco“, ha scritto polemicamente il colonnello Sergio De Caprio, che ha condiviso la foto della lettera ricevuta, che ha per oggetto: “Comunicazione di avvio del procedimento di revoca, ai sensi dell’articolo 7 della legge 241/1990“. A De Caprio viene comunicata l’interruzione del “dispositivo di 4° livello ‘tutela su auto non protetta‘” dopo che dall’istruttoria “non sono emersi specifici indicatori di rischio riferiti alle ipotesi di pericolo o minaccia”.

La scorta gli era già stata revocata una volta, salvo poi essergli restituita lo scorso giugno dopo che il Tar del Lazio aveva giudicato illegittima la revoca decisa dall’Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale (Ucis).

Tutti invitati alla prossima cerimonia. Via la tutela al Capitano Ultimo, in fondo se l’è cercata e basta indagini, non servono più“, ha commentato su Twitter l’ufficiale dei carabinieri che arrestò Totò Riina, nello stesso giorno in cui la Cedu (la Corte europea dei diritti dell’uomo) ha chiesto all’Italia di riformare la legge sull’ergastolo ostativo. “È la visione dei Ucis e del comando generale Carabinieri, per loro la mafia, Bagarella e Matteo Messina Denaro non sono un pericolo attuale per il Capitano Ultimo. Se l’è cercata come Falcone e Dalla Chiesa“, ha aggiunto De Caprio, commentando la notizia.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.