Revocata la scorta al Capitano Ultimo. Lo sfogo su Twitter: "La mafia non c'è più" :ilSicilia.it

l'ufficiale dei carabinieri non ci sta e polemizza

Revocata la scorta al Capitano Ultimo. Lo sfogo su Twitter: “La mafia non c’è più”

9 Ottobre 2019

Con un tweet il Capitano Ultimo ha annunciato l’avvio delle procedure per togliergli la scorta da parte del governo. “Nessun pericolo, la mafia non c’è più, è stato un gioco“, ha scritto polemicamente il colonnello Sergio De Caprio, che ha condiviso la foto della lettera ricevuta, che ha per oggetto: “Comunicazione di avvio del procedimento di revoca, ai sensi dell’articolo 7 della legge 241/1990“. A De Caprio viene comunicata l’interruzione del “dispositivo di 4° livello ‘tutela su auto non protetta‘” dopo che dall’istruttoria “non sono emersi specifici indicatori di rischio riferiti alle ipotesi di pericolo o minaccia”.

La scorta gli era già stata revocata una volta, salvo poi essergli restituita lo scorso giugno dopo che il Tar del Lazio aveva giudicato illegittima la revoca decisa dall’Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale (Ucis).

Tutti invitati alla prossima cerimonia. Via la tutela al Capitano Ultimo, in fondo se l’è cercata e basta indagini, non servono più“, ha commentato su Twitter l’ufficiale dei carabinieri che arrestò Totò Riina, nello stesso giorno in cui la Cedu (la Corte europea dei diritti dell’uomo) ha chiesto all’Italia di riformare la legge sull’ergastolo ostativo. “È la visione dei Ucis e del comando generale Carabinieri, per loro la mafia, Bagarella e Matteo Messina Denaro non sono un pericolo attuale per il Capitano Ultimo. Se l’è cercata come Falcone e Dalla Chiesa“, ha aggiunto De Caprio, commentando la notizia.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.