Revocati arresti domiciliari a Cateno De Luca. Il neo deputato: "Sono libero, ora denuncio tutti" :ilSicilia.it

La decisione del Gip

Revocati arresti domiciliari a Cateno De Luca: “Sono libero, ora denuncio tutti”

20 Novembre 2017

Niente più arresti domiciliari per il neo deputato regionale Cateno De Luca, accusato di evasione fiscale.
Il gip di Messina ha sostituito la misura con quella interdittiva del divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell’inchiesta.

Per il giudice sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari.

La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato, il Giudice delle indagini preliminari aveva disposto il divieto di comunicazione con l’esterno.

Non ha tardato ad arrivare la risposta di Cateno De Luca, con un video su facebook, il deputato regionale Cateno De Luca ha commentato la revoca degli arresti domiciliari nei suoi confronti: “Buongiorno, sono libero, state tranquilli – ha detto. Il gip ha revocato tutto, ha sconfessato sostanzialmente. Vi prego soltanto di una cosa – ha proseguito il deputato – ho bisogno di 2-3 giorni per completare le denunce che stiamo depositando. Stiamo denunciando tutti per falso in atti giudiziari, infedele patrocinio e per calunnia. Vi chiedo un supplemento di attesa – continua – devo stare concentrato con i miei avvocati per depositare le denunce. Poi faremo una bella conferenza stampa e ricominceremo la nostra attività politica. Noi non stiamo assolutamente col capo chino – ha concluso – denunciamo ogni tipo di mafia, anche quella giudiziaria, andrò avanti con forza“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.