Revocati arresti domiciliari a Cateno De Luca. Il neo deputato: "Sono libero, ora denuncio tutti" :ilSicilia.it

La decisione del Gip

Revocati arresti domiciliari a Cateno De Luca: “Sono libero, ora denuncio tutti”

di
20 Novembre 2017

Niente più arresti domiciliari per il neo deputato regionale Cateno De Luca, accusato di evasione fiscale.
Il gip di Messina ha sostituito la misura con quella interdittiva del divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell’inchiesta.

Per il giudice sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari.

La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato, il Giudice delle indagini preliminari aveva disposto il divieto di comunicazione con l’esterno.

Non ha tardato ad arrivare la risposta di Cateno De Luca, con un video su facebook, il deputato regionale Cateno De Luca ha commentato la revoca degli arresti domiciliari nei suoi confronti: “Buongiorno, sono libero, state tranquilli – ha detto. Il gip ha revocato tutto, ha sconfessato sostanzialmente. Vi prego soltanto di una cosa – ha proseguito il deputato – ho bisogno di 2-3 giorni per completare le denunce che stiamo depositando. Stiamo denunciando tutti per falso in atti giudiziari, infedele patrocinio e per calunnia. Vi chiedo un supplemento di attesa – continua – devo stare concentrato con i miei avvocati per depositare le denunce. Poi faremo una bella conferenza stampa e ricominceremo la nostra attività politica. Noi non stiamo assolutamente col capo chino – ha concluso – denunciamo ogni tipo di mafia, anche quella giudiziaria, andrò avanti con forza“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.