Revocati i domiciliari al proprietario del Bar Alba :ilSicilia.it
Palermo

lo scorso mese il sequestro

Revocati i domiciliari al proprietario del Bar Alba

di
3 Agosto 2018

Dopo il sequestro del Bar Alba, Giuseppe Caronia, il titolare, era stato accusato di bancarotta fraudolenta e messo agli arresti domiciliari. Adesso che il provvedimento è stato sospeso affida il suo sfogo, e alcune precisazioni, ad un lungo comunicato. La pasticceria era stata chiusa, lo scorso mese, nell’ambito dell’operazione antimafia “Delirio”.

“Dopo le misure cautelari adottate nei miei confronti – scrive Caronia –  alcuni giorni addietro in seguito alla accuse di bancarotta fraudolenta avanzate dal pm per avere io , a suo dire, distratto, in tutto o in parte i beni delle società fallite Bar Alba srl e Pasticceria Alba srl, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori della fraudolenta precedente gestione, misure che tra l’altro mi avevano ingiustamente relegato nella mia abitazione, oggi revocate dalla sezione per il riesame del Tribunale di Palermo, ritengo opportuno e doveroso per fare un minimo di luce sulle recenti vicende che hanno interessato lo storico Bar Alba, rappresentare in estrema sintesi i fatti così come realmente avvenuti nel tentativo di spazzare via gli evidenti equivoci, le errate rappresentazioni, le basse speculazioni e i giudizi sommari. Brutalità queste che hanno contraddistinto questa kafkiana vicenda in cui senza responsabilità alcuna mi sono venuto a trovare”.

Poi aggiunge: “Da evidenziare che il gip, il giorno 24 luglio, aveva già disposto che : ‘ l’affidamento dei due rami d’azienda, attualmente in sequestro, resti in capo agli attuali gestori  (…). Desidero nell’occasione ringraziare con tutto il cuore le tantissime persone che hanno voluto esprimerci la loro solidarietà e la loro vicinanza. Naturalmente mi limiterò, per quanto possibile, ad una stringatissima descrizione degli avvenimenti lasciando il compito di accertare tutta la verità, come è giusto che sia alla magistratura”.

“Il Bar Alba – prosegue Caronia è stato ceduto nel mese di luglio del 2009 dal mitico fondatore Iano Costa alla società N. Pasticceria Alba. Amministratore unico di detta società, e delle due successivamente costituite, oggi tutte fallite è stato , tale Giuseppe Tarantino, da me denunciato alla Procura della Repubblica, per la sua colpevole gestione truffaldina e destituito dall’assemblea dei soci il 18 febbraio 2016″.

“Mi preme evidenziare che dopo il mio insediamento, il 24 febbraio 2016, è stata tenuta una rigorosa registrazione delle entrate e delle uscite giornaliere dei due rami di azienda, sono stati aperti due distinti conti correnti nei quali venivano versati gli incassi dei due punti vendita ed è stata condotta una gestione assolutamente corretta ed esemplare“.

“Dopo il disastro causato da Tarantino – afferma Caronia – una nuova società la Apr, capeggiata dalla mia famiglia, con ingenti investimenti ha fatto sì che questo storico locale divenuto una icona per la nostra città risorgesse salvando inoltre circa 70 posti di lavoro senza considerare quelli dell’indotto. Ovviamente la magistratura accerterà fatti e responabilità e non ritengo pertanto di dover aggiungere nulla alla mia dichiarata assoluta estraneità ai reati contestati, come si evincerà dalla copiosa documentazione prodotta”

Poi lo sfogo: “Desidero esternare tutto il mio sdegno e il mio disprezzo per quanti hanno manifestato non solo attraverso l’utilizzo di network e di Facebook la loro gioia per queste nostre drammatiche disavventure, per chi ha emesso sentenze sommarie, per chi ha vomitato veleno e buttato fango sulle nostre persone e sui nostri familiari”.

“Concludo con un’ultima precisazione: il Bar Alba è sempre rimasto aperto e aperto rimarrà con i suoi impeccabili servizi e con la bontà dei propri prodotti. Che in nessun modo nonostante le innegabili difficoltà causate da questa inverosimile vicenda ha intenzione di arrendersi. Ringrazio infine tutti i nostri dipendenti per la fiducia accordata alla mia azienda in questa fase così delicata e per aver profuso, forse ancor di più, tutto il loro impegno. Desidero tranquillizzarli – conclude Caronia – che tutto verrà chiarito e che la nostra attività, grazie alla nostra affezionata clientela, andrà sempre più avanti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.