Rfi non molla: "Il passante di Palermo si farà, con o senza la Sis" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

A 24 ore dall'annuncio dei 200 licenziamenti, lo scontro tra le parti si acuisce

Rfi non molla: “Il passante di Palermo si farà, con o senza la Sis”

di
27 Gennaio 2017

Non si placano gli animi tra le Ferrovie e la Sis. L’impresa ieri aveva annunciato 200 licenziamenti tra gli operai e quindi il rischio stop ai lavori.

Sis, passante, notarbartoloOggi  Rfi è tornata sulla vicenda: “Rete Ferroviaria Italiana ribadisce quanto già annunciato a fine ottobre: il Passante Ferroviario di Palermo si farà, con o senza la Sis. Inaccettabile, dunque, l’atteggiamento del Contraente Generale (la Sis, ndr) che ancora una volta, nel giro di pochi mesi, ricorre all’annuncio di licenziamento di operai sottraendosi, di fatto, agli impegni assunti con RFI, con le istituzioni locali, con il Ministro, con le organizzazioni sindacali e, soprattutto, con la città”.

Poi fanno cenno al contenzioso sugli extra-costi dell’appalto. La Sis infatti lamenta un debito di 100 milioni dovuto all’incremento dei costi di materiali e fornitori. Ecco perché si attende il responso del Tribunale di Roma. “Anche in considerazione del fatto – prosegue -che non esistono al momento nuovi contenziosi o criticità particolari oltre a quelli per i quali l’appaltatore ha richiesto l’avvio di un accertamento tecnico preventivo in sede giudiziale per la cui definizione si deve attendere il pronunciamento del Tribunale di Roma. Pertanto RFI, oltre ad assicurare l’avvio di tutte le azioni necessarie al proseguimento degli interventi per ultimare l’opera, – conclude la nota – comunica di essere pronta ad intraprendere le azioni ritenute più opportune per tutelare, anche in sede legale, la propria immagine e gli interessi dei cittadini“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin