Ri-scriviamo i nuovi diritti dei bambini | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ri-scriviamo i nuovi diritti dei bambini

11 Maggio 2020

Oggi la rubrica “Il cielo di Paz” ospita i nuovi diritti riscritti dalle bambine e dai bambini della classe quarta D della Direzione Didattica “Rosolino Pilo” di Palermo, ai tempi del covid19. Concedetevi un momento di riflessione su come i più piccoli hanno vissuto questo particolare momento storico. La richiesta di nuovi diritti è lo specchio di un’esigenza che si impone alla luce di questa nuova realtà sociale.

****

Di Pamela Vassallo

1… 2… 3… PRESENTE!!! Sì, oggi, come avete intuito, torno a parlarvi di diritti.

Vi ricordate il Progetto Nazionale “I Bambini parlano diritti[o]”, promosso dall’AGIA in collaborazione con l’Associazione “Così per gioco”? Come dimenticarlo!

In questi giorni è stato pubblicato il libro dei diritti ri-scritti dagli alunni di tutta Italia in occasione del “compleanno” della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che lo scorso 20 Novembre ha compiuto trent’anni. È stata una grande emozione rileggere su questo libricino quelli della nostra scuola, così come emozionante è stato riguardare quelli della nostra classe, che conservo gelosamente perché scritti dopo vari momenti di riflessioni, letture e giochi.

Un progetto speciale, un’esperienza indimenticabile, che ci ha permesso di partecipare anche alle conferenze ludiche con gli allenatori di cervelli, Carlo Carzan e Sonia Scalco, e di incontrare il 25 Novembre scorso l’Autorità Garante, la Dott.ssa Filomena Albano, ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo. Rievocando con la memoria tutte queste tappe e pensando al tempo che stiamo vivendo oggi, mi sono fatta mille domande, che voglio porre anche a voi.

Se soltanto mesi fa avessimo immaginato tutto ciò: il coronavirus, la scuola a distanza, niente abbracci, mascherine e guanti per uscire, avremmo elaborato, secondo voi, gli stessi diritti? A quali bisogni avremmo pensato? A cosa avremmo voluto dire di “no”?

Probabilmente avremmo scritto e riscritto altri articoli. Probabilmente avremmo pensato a diritti sulla DaD, sul “tempo creativo e innovativo” che siamo chiamati a vivere ancora ora, ma anche a diritti sul riadattamento e sul cambiamento che siamo stati costretti a mettere in atto. Scommetto che non sarebbero mancati diritti sul distanziamento e sull’isolamento sociale, sulle paure e sulle angosce che tutti proviamo, nonché sul bisogno di rassicurazione e protezione che riceviamo costantemente da chi ci vuol bene.

E allora che ne dite se proviamo a ri-scrivere i diritti sui bisogni che oggi emergono nel nostro cuore? Mettiamoci in un cantuccio della nostra casa, ascoltiamoci e scriviamo ciò che sentiamo e desideriamo. Prima di salutarvi… 1… 2… 3… PRESENTE!!!

Sì, presenti, tutti insieme, più forti di prima, pronti a non mollare mai e a trasformare questo momento particolare in un momento di crescita e di resilienza!

 

Ri-scriviamo i nuovi diritti…

·      I bambini hanno diritto a vivere spensierati e a sognare ancora, perché questo virus ci ha distrutto i sogni (Giada)

·      I bambini hanno il diritto di vedere e incontrare quasi ogni giorno i propri affetti (Giada)

·      Ogni bambino ha il diritto a uscire e giocare all’aperto con le dovute protezioni (Michelangelo)

·      Ogni bambino ha diritto alle cure e al vaccino contro il coronavirus (Michelangelo)

·      Tutti i bambini hanno diritto a un abbraccio anche se con la mascherina (Salvo)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di uscire e di stare insieme agli amici rispettando il metro di distanza (Aurora V.)

·      Tutti i bambini hanno diritto a stare insieme a un proprio amico, con le giuste precauzioni, e a non rimanere tutto il tempo a casa a non fare nulla (Fernanda)

·      Tutti i bambini hanno il diritto al divertimento e non a giocare troppo tempo con il telefono (Angelica)

·      Tutti i bambini e tutti gli adulti hanno il diritto di acquistare le mascherine a costi non elevati (Angelica)

·      Tutti i bambini hanno il diritto a incontrare i parenti, mantenendo le giuste distanze, e a vedere i propri insegnanti (Carla)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di stare a casa per la salvaguardia della loro salute (Carla)

·      Ogni bambino ha il diritto al divertimento, restando a casa e facendo attività creative (Giorgio)

·      Ogni bambino ha il diritto alla libertà anche a casa (Giorgio)

·      I bambini e i ragazzi hanno il diritto di studiare a distanza anche su varie piattaforme, svolgendo video lezioni ed esami di maturità on line (Francesca)

·      I bambini hanno diritto di fare attività fisica, guardando ad esempio dei tutorial (Francesca)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di essere curati dal coronavirus (Giorgia C.)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di uscire all’aria aperta, usando mascherina e guanti (Giorgia G.)

·      Tutti i bambini hanno il diritto a stare al sicuro, evitando gli assembramenti (Greta)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di fare le video lezioni e di avere gli strumenti adatti per dire no all’ignoranza (Greta)

·      Tutti i bambini hanno il diritto di invitare nella propria casa amici e cugini per stare un po’ insieme, nel rispetto delle regole (Sofia)

·      Sia i bambini che i ragazzi hanno il diritto di esprimere sui social le proprie idee senza essere presi in giro (Sofia)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.