Riaperti i siti del Parco di Naxos-Taormina. Samonà: "Già tante prenotazioni" :ilSicilia.it
Taormina

ingresso gratis per una settimana

Riaperti i siti del Parco di Naxos-Taormina. Samonà: “Già tante prenotazioni”

di
30 Maggio 2020

Riaperti stamattina i siti del Parco archeologico di Naxos-Taormina. Per questa occasione, che segna a tutti gli effetti l’atteso momento di ripartenza per la cultura siciliana dopo il lockdown e l’emergenza sanitaria, era presente il neoassessore regionale ai Beni Culturali, Alberto Samonà. L’esponente della Lega nella Giunta Musumeci ha inteso testimoniare il senso e la valenza di questa riapertura dei siti archeologici, non soltanto per il primo polo turistico dell’isola ma per l’intera Sicilia.

Come annunciato dal Governo regionale e confermato da Samonà l’ingresso sarà gratuito fino al 7 giugno, in coincidenza con la tradizionale prima domenica del mese gratis gli orari: Parco di Naxos e Isola Bella dalle 9 alle 19; e a Taormina il Teatro Antico dalle 17 alle 22. Ad accogliere Samonà a Taormina c’era il direttore del Parco di Naxos-Taormina, l’archeologa Gabriella Tigano, e c’era anche il sindaco di Taormina, Mario Bolognari.

“Oggi riaprono gli spazi della cultura, i parchi archeologici, i nostri musei – ha detto Samonà – e vogliamo ripartire in sicurezza con un sistema di prenotazioni online gratuito per una settimana. I numeri che stanno arrivando sono importanti, la gente vuole riappropriarsi di questi luoghi e tornare a respirare cultura. Questo è il nostro messaggio. Da pochi giorni sono assessore ai Beni culturali e la Lega è entrata nel governo Musumeci. Il mio assessorato è un assessorato che rappresenta tutti i siciliani e proprio il Teatro Antico è un luogo che rappresenta i siciliani di tutte le epoche”.

Gabriella Tigano, Mario Bolognari e Alberto Samonà

“Riappropriarci del cuore della memoria e del nostro DNA – continua Samonà – è l’identità del nostro popolo. Ci siamo chiusi in casa per due mesi e con questo comportamento responsabile oggi la Sicilia può ripartire, e può contare su numeri di contagi minori ad altre regioni che sono ancora in emergenza. Vogliamo vivere di energia, di emozioni incredibili ed è il messaggio che voglio dare a tutti. Quest’estate potremo essere turisti in casa nostra e già nei prossimi giorni potremo dare un esempio importante”.

Per accedere ai monumenti si dovrà essere muniti di muniti di DPI (dispositivi di protezione individuali, ossia guanti e mascherina propri); l’ingresso sarà numerato ed esclusivamente su prenotazione, gestita e regolamentata secondo un preciso flusso orario dal concessionario Aditus, gestore dei servizi di biglietteria del Parco; ai varchi d’accesso sarà misurata la temperatura con il termoscanner e infine i biglietti saranno solo elettronici (con lettura digitale del QRcode).

Fra le novità di questa riapertura figurano a Taormina i tornelli per distanziare il pubblico ed evitare assembramenti, mentre infografiche e cartelli oltre a indicare i percorsi di visita, ricorderanno ai visitatori le buone prassi per scongiurare il rischio di eventuali contagi; a Naxos, infine, è stata installata la nuova segnaletica bilingue che orienta i visitatori alla scoperta della prima colonia greca in Sicilia e dei suoi luoghi-simbolo.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.