20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Catania

"Non possiamo causare problemi ai Comuni serviti dall'impianto"

Riapre la discarica di Codavolpe. Bianco: “Grazie al Ministero, ora aspettiamo Crocetta”

3 Dicembre 2016

Il ministero dell’Ambiente ha firmato il parere necessario alla riapertura della discarica di Codavolpe, ora tocca alla Regione. Lo annuncia il sindaco di Catania Enzo Bianco che in mattinata aveva sollecitato lo stesso dicastero e la Regione a completare il complesso iter per consentire al presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta di emanare una nuova ordinanza di proroga all’impianto di trattamento dei rifiuti di contrada Codavolpe che, da stamattina, non accetta più indifferenziata e umido raccolti in vari Comuni dell’ Etna, Catania compresa.

Adesso attendiamo la definitiva ordinanza da parte della Regione. La pronta risposta del Ministero – ha detto Bianco – consente di accelerare l’ iter e di trovare una soluzione immediata, in attesa di quella definitiva che speriamo venga trovata al più presto. Non possiamo permettere che il gran numero di Comuni serviti dall’ impianto potessero andare incontro a grossi problemi. Ci auguriamo che i disservizi che i cittadini stanno affrontando in queste ore possano essere eliminati nel più breve tempo possibile“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.