Riapre il Viadotto Himera, assente il governo Regionale: "Non c'è nulla da festeggiare" | VIDEO :ilSicilia.it
Catania

l'inaugirazione

Riapre il Viadotto Himera, assente il governo Regionale: “Non c’è nulla da festeggiare” | VIDEO

di
31 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo 5 anni riapre il ponte Himera alla presenza del ministro Paola Di Micheli, il viceministro Cancelleri, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il dirigente Anas Massimo Simonini.

Protagonista assente, il governo Regionale siciliano. Manca l’assessore Falcone, e il governatore Musumeci che, al momento, si trova a Trapani. L’opera dal costo di circa 12milioni di euro riaprirà al traffico oggi pomeriggio (31 luglio ndr) alle ore 17.

Pragmatico il governatore Musumeci attraverso i social: “Non c’è nulla da festeggiare”. Il presidente della Regione Siciliana da mesi è critico nei confronti di Anas e del governo nazionale in merito alle opere stradali che vanno a rilento qui sull’Isola.

Le dichiarazioni

Questa è una tappa importante di percorso. Non siamo qui per festeggiare ma per confermare. Fatevi contagiare dai sindaci al di là delle correnti politiche. Siamo tutti d’accordo che dobbiamo richiamare l’attenzione di tutti in merito alla viabilità secondaria inesistente in Sicilia. Ed è importante capire del perché è successo il crollo del ponte Himera”, afferma il sindaco Orlando.

Fiducioso il viceministro Cancelleri che ha affermato alla stampa: “Continuo a pensare che cinque anni per rimettere in piedi un’opera di tale importanza siano troppi e le norme inserite nel DL Semplificazioni per velocizzare procedure e cantieri sono il mio impegno determinato a cambiare il passo delle opere del nostro Paese, continua Cancelleri. Ci ho creduto e soprattutto ci hanno creduto le imprese e i lavoratori impegnati nella ricostruzione, è diventata una sfida di tutti quelli che oltre le polemiche e le critiche, si rimboccano le maniche per cambiare davvero le cose“.

Il governo sta facendo un grande sforzo per superare definitivamente il gao del Sud con le aree del Nord afferma il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli –. del Paese. Per la Sicilia ci sono 17,7 miliardi, quasi11 mld per le ferrovie; a ottobre ci sarà la gara per il tratto Palermo-Catania-Messina e stiamo chiedendo fattibilità per completare l’anello di tutta la costa siciliana”.

“Mi dispiace l’assenza del governo regionale, non c’è alcun motivo per essere assenti: questa è un’opera che serve a tutti i siciliani e a tutti coloro che vorranno godere le bellezze di questa terra. Non va bene, quando si fanno le cose per le persone bisogna esserci, la collaborazione istituzionale venga prima delle posizioni personali”, conclude De Micheli commentando l’assenza del governo regionale all’inaugurazione.

“Alle 17 riapriamo il viadotto sulla doppia carreggiata. Il viadotto Imera è un’opera di 270 metri che ha comportato investimento di 12,5 mln, in acciaio su tre campate, realizzata per scavalcare la frana. E’ stato un percorso complesso, alle criticità legate all’iter autorizzativo si è aggiunta la crisi finanziaria delle imprese e in ultimo il periodo di Covid con la difficoltà di reperire uomini e materie“. Così ha dichiarato l’ad di Anas, Massimo Simonini il quale conclude sottolineando che: “In Sicilia abbiamo 76 cantieri, 71 di manutenzione programmata e 5 nuovi lavori per un investimento di 1,4 miliardi. Stiamo lavorando per il Paese e quest’isola”.

** IN AGGIORNAMENTO**

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin