Riassegnata la scorta alla testimone di giustizia Valeria Grasso | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la comunicazione arrivata dal ministero

Riassegnata la scorta alla testimone di giustizia Valeria Grasso

2 Dicembre 2019

E’ stata riassegnata la scorta alla testimone di giustizia Valeria Grasso.

“L’Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale ha determinato nei confronti della S.V. la rimodulazione del dispositivo di tutela da assicurarsi su tutto il territorio nazionale”, si legge nella comunicazione consegnata dal comandante del Nucleo scorte, Luca Nuzzo, a Valeria Grasso.

Una decina di giorni fa le era stato notificato il provvedimento di rimozione della scorta a Roma, mentre era stata mantenuta nei suoi spostamenti a Palermo.

La testimone di giustizia si era detta preoccupata per la propria incolumità e per quella dei suoi figli. Adesso la riattivazione del servizio, dopo che la scorsa settimana la Grasso si era incontrata con il ministro dell’Interno Lamorgese. Valeria Grasso in passato aveva fatto arrestare gli esattori del pizzo legati alla mafia del clan Madonia che le avevano chiesto denaro in cambio di protezione.

LEGGI ANCHE:

Tolta la scorta all’imprenditrice che denunciò il pizzo: “Temo per i miei figli”

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.