Riciclaggio e truffa: scattano quattro misure cautelari tra Messina, Brolo e Palermo :ilSicilia.it
Messina

Prosegue l'operazione "Affari Sporchi"

Riciclaggio e truffa: scattano quattro misure cautelari tra Messina, Brolo e Palermo

di
30 Maggio 2020

Prosegue l’operazione “Affari Sporchi” che lo scorso 19 maggio ha permesso alla guardia di finanza di sgominare un’associazione dedita al riciclaggio e all’autoriciclaggio di capitali ma anche alla truffa, all’esercizio abusivo dell’attività di intermediazione finanziaria e creditizia, operante tra le province di Messina e Palermo.

La Guardia di Finanza di Messina ha eseguito stamani, sabato 30 maggio, un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano, nei confronti di quattro persone accusate di impiego di fondi provenienti dai reati di riciclaggio, truffa, appropriazione indebita ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.

L’uomo indicato dagli investigatori come il “cervello” dell’organizzazione, Prospero Lombardo, è ai domiciliari, emessi per altre persone anche un divieto di dimora nei comuni di Brolo e di Palermo e due obblighi di dimora a Palermo e Messina.

Si tratta di un nuova ordinanza nei confronti delle quattro persone già raggiunte da un altro provvedimento per associazione a delinquere e reimpiego di proventi illeciti. L’operazione denominata ‘Affari sporchi 2‘ costituisce il seguito di quella di appena dieci giorni fa, che ha consentito di sgominare un’organizzazione criminale capeggiata da Prospero Lombardo, ex dipendente di una filiale messinese di un noto Istituto bancario.

L’inchiesta odierna nasce dalla trasmissione degli atti dalla Procura di Patti a quella di Palermo, disposta dal Gip di Patti, che su tale segmento di indagini si è dichiarato incompetente. Dalle indagini è emerso che Lombardo aveva raccolto ingenti somme da ignari clienti, per oltre 2 milioni di euro, per poi riciclarli, sfruttando una serie di società operanti nel settore della mediazione creditizia ed altre società “cartiere“, che servivano solo all’emissione di false fatturazioni.

Eseguito anche un sequestro preventivo di oltre 77 mila euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.