"Riconnessioni": a Palermo un team multidisciplinare per riqualificare il quartiere Cep :ilSicilia.it
Palermo

il progetto proseguirà fino all'inizio del 2020

“Riconnessioni”: a Palermo un team multidisciplinare per riqualificare il quartiere Cep

6 Novembre 2019

Come raccontare la memoria del quartiere San Giovanni Apostolo, meglio conosciuto come Cep? Come ripensare gli spazi di una delle periferie meno conosciute della città di Palermo?

A queste domande risponde l’iniziativa “Riconnessioni: percorsi di riattivazione della memoria urbana per riportare la periferia al centro”, progetto vincitore del bando “Creative Living Lab – II Edizione”, intervento promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali .

Un team multidisciplinare composto da architetti, sociologi, designer, semiologi e geografi si alternerà all’interno del quartiere fino all’inizio del 2020 per progettare, insieme alla comunità, la riattivazione e rifunzionalizzazione del campo da bocce di Via Paladini, attualmente in stato di degrado e abbandono.

Riconnessioni

Tre saranno i workshop artistici e di auto costruzione che vedranno il coinvolgimento dei residenti del quartiere e degli alunni dell’Istituto Comprensivo Giuliana Saladino.

Un percorso sonoro, uno fotografico e uno legato alla progettazione che hanno anche lo scopo di raccontare la memoria e l’identità del quartiere e allo stesso tempo ascoltare, collezionare, documentare e costruire un archivio fatto di desideri condivisi e ricordi.

Il tema che guiderà l’intero processo è quello della ‘riconnessione’, fisica e simbolica, del quartiere Cep con il centro città, a partire dalla riscoperta e valorizzazione artistica della memoria e dell’identità dell’area.

Il campo da bocce, e in generale in quartiere, diventerà la sede di un processo creativo e condiviso dove sperimentare e riflettere, intervenire e progettare, un cantiere aperto dove coltivare idee da disseminare nella città.

Ad aprire il progetto l’iniziativa “Suoni in campo”, una performance sonora che si terrà il 9 novembre alle ore 18 in via Paladini.

Nicola Di Croce
Nicola Di Croce

Durante la serata verranno presentati i risultati della prima settimana di laboratori su suoni e memorie, realizzati con gli abitanti del Cep dall’artista sonoro Nicola Di Croce.

Nel corso della settimana di residenza l’artista lavorerà sulla registrazione audio come strumento per raccogliere un archivio di suoni capaci di raccontare il quartiere che verrà presentato alla città.

I partecipanti alle varie fasi del laboratorio e tutti gli spettatori saranno invitati a interagire con l’artista, attraverso il gioco delle bocce, nella costruzione condivisa di un flusso sonoro. A seguire, alle 19.30, ci sarà una grigliata di quartiere.

Le iniziative del progetto continueranno nei mesi successivi con la partecipazione di altri artisti italiani e internazionali come il fotografo Andrea Miceli, del duo Andrea&Magda, i cui lavori sono stati pubblicati su riviste come Time, Newsweek Japan, Courrier International, Sunday Times, Internazionale, Libération.

A supervisionare tutta l’iniziativa l’architetto Tristan Boniver, fondatore e partner dello studio d’architettura Rotor di Bruxelles che ha già lavorato a Palermo, in occasione di Manifesta 12, realizzando a Pizzo Sella l’intervento Da quassù è tutta un’altra cosa.

Il progetto Riconnessioni è realizzato dall’Associazione Sguardi Urbani con la collaborazione di Marginal Studio, dell’Associazione San Giovanni Apostolo e dell’Istituto Comprensivo Giuliana Saladino e del Comitato Educativo per la Promozione del Territorio della VI Circoscrizione.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.