Riconosciuti otto distretti del cibo, Bandiera: ''Ottimo lavoro dei territori'' :ilSicilia.it

Le dichiarazione dell'assessore

Riconosciuti otto distretti del cibo, Bandiera: ”Ottimo lavoro dei territori”

11 Dicembre 2019

Sono otto i distretti del cibo, individuati dall’Assessorato all’Agricoltura mediante evidenza pubblica, che verranno inseriti nel registro nazionale apposito, istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo. Un modello di sviluppo innovativo per consentire la crescita e il rilancio di filiere e territori.

Unico imperativo: fare squadra nei territori con l’obiettivo di utilizzare i fondi nazionali e comunitari per la valorizzazione e promozione del territorio, tutelare l’ambiente, incentivare la nascita di nuove realtà, migliorare le produzioni agricole di qualità e la ricettività dei luoghi.

A darne notizia l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera: “Con questo riconoscimento il Governo Musumeci vuole premiare, promuovere e agevolare quei territori che si sono dimostrati all’altezza delle sfide che la competizione globale impone, mettendo a sistema ed in rete le potenzialità agricole, agroalimentari, turistiche, identitarie e culturali. I territori sono pronti, hanno fatto un ottimo lavoro di squadra, dimostrando di sapersi aggregare”.

Nello specifico i distretti riconosciuti sono: distretto del cibo bio slow pane e olio; distretto del cibo del sud-est siciliano; distretto del cibo del sud est Sicilia Etna Val di Noto; distretto delle filiere e dei territori di Sicilia in rete; distretto del cibo ATS Sikania; distretto del cibo Bio-Mediterraneo; distretto del cibo dei Nebrodi Valdemone; distretto del cibo Born in Sicily Routes- Val di Mazara.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona