Riconversione Fiat-Blutec di Termini, i sindaci del territorio: "Presto incontro al Mise" :ilSicilia.it
Palermo

Le dichiarazioni

Riconversione Fiat-Blutec di Termini, i sindaci del territorio: “Presto incontro al Mise”

di
15 Febbraio 2021

Su iniziativa del primo cittadino, Maria Terranova, i Sindaci del territorio si sono incontrati questa mattina (15 febbraio) presso l’aula consiliare del Comune di Termini Imerese per discutere sulla riconversione dello stabilimento ex Fiat/Blutec e del futuro del territorio.

All’iniziativa erano presenti i Sindaci e i rappresentati dei Comuni di: Petralia Soprana, Palermo, Aliminusa, Petralia Sottana, Sciara, Campofelice di Roccella, Caccamo, Trabia, Lascari, Ventimiglia di Sicilia e Sindaco della Città Metropolitana, Leoluca Orlando.

Il “Comitato dei Sindaci per la salvaguardia e la valorizzazione dell’area  Industriale di Termini Imerese” si costituì nel mese di giugno del 2019 a seguito del Tavolo Tecnico con i rappresentanti del MISE e dell’Amministrazione Giudiziaria Blutec e si è ufficialmente formalizzato con le successive Deliberazioni di Giunta approvate dalle singole Amministrazione.

Si tratta un organismo di coordinamento a carattere sovra-comunale che adesso, più che mai, in occasione del recovery fund, intende fornire un contributo di proposte e idee a un territorio che ha subito perdite in tutti i settori economici per effetto della drammatica chiusura della Fiat nel 2012.

Dagli interventi, di questa mattina, è emersa la necessità di confrontarsi con i commissari della Blutec sulle future scadenze. Inoltre, alla luce delle recenti nomine del Governo Nazionale, il Comitato dei Sindaci, ha deciso d’incontrare, quanto prima, i vertici del Ministero dello Sviluppo Economico per la definizione di un cronoprogramma.

Dall’incontro di questa mattina è emersa la unanime volontà di voler essere parte integrante e attiva nei vari processi decisionali sovra-comunali” dice il Sindaco di Termini Imerese Maria Terranova “adesso più che mai è imprescindibile il coinvolgimento dei rappresentati del territorio nei tavoli programmatici che auspichiamo avvengono quanto prima insieme con la Regione Siciliana e le organizzazioni sindacali“.

“Questo comitato dei Sindaci, da tempo costituito, è la conferma dell’attenzione rispetto a una soluzione progettuale della ormai troppa annosa vicenda riguardante della ex Sicilfiat” dice Leoluca Orlando, Sindaco della Città Metropolitana “adesso questa area è gestita da amministratori straordinari e quindi non è più motivo di condizionamento rispetto alle scelte di utilizzo da parte della vecchia proprietà Fiat, che ha tenuto in ostaggio un territorio, di volta in volta, facendo registrare presenze di aziende disinteressate. Chiediamo pertanto al Ministro di dare un segnale di attenzione rispetto alla soluzione di questa vicenda, ovviamente ovviando, come                                                                                                    comitato dei Sindaci, un doveroso confronto con le organizzazioni sindacali“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin